Home Evidenza Finanziamenti persi per il dissesto idrogeologico. La minoranza al Comune di Trivento solleva la polemica
Evidenza - QD - Trivento - 21 Febbraio 2020

Finanziamenti persi per il dissesto idrogeologico. La minoranza al Comune di Trivento solleva la polemica

Rinuncia a finanziamenti per la mitigazione del dissesto idrogeologico, la minoranza al Comune di Trivento solleva la polemica. Il consigliere Luigi Pavone, capogruppo di “Futuro Trivento”, prende di mira la delibera di giunta comunale, la n. 19 del 29 gennaio 2020, con la quale si dà mandato al  responsabile del settore tecnico di procedere alla comunicazione di rinuncia al finanziamento del fondo per la progettazione relativo all’intervento “Lavori di somma urgenza finalizzati alla mitigazione del dissesto interessante via Fonte Croce” e relativo all’intervento di “Sistemazione idraulica e messa in sicurezza del torrente rivo nel tratto di confluenza con il fiume Trigno”, in quanto gli stessi risultano già finanziati a valere sul Decreto Interministeriale del 30 dicembre 2019. Secondo Pavone, si sarebbe persa una preziosa occasione per reperire finanziamenti, peraltro cospicui, che potevano essere riversati su altri interventi per la prevenzione e la mitigazione del dissesto idrogeologico in aree, anche più disastrate, del territorio triventino, già inserite nel piano triennale delle opere pubbliche. “Noi lo avevamo fatto presente già in occasione del consiglio comunale in cui l’amministrazione partecipò l’assemblea di questa decisione – scrive Luigi Pavone – tant’è che successivamente presentammo anche un’interrogazione sul perché era stata data comunque priorità a questi interventi penalizzandone degli altri, anche più urgenti, ma, come spesso accade, non fummo ascoltati, e ci vennero date le solite risposte fumose. Bastava leggersi, per esempio, la relazione di fine mandato dell’ex sindaco per scoprire come quei due interventi fossero già stati candidati, ma la sensazione è che si legga e si studi poco, mentre molta attenzione si presta a controllare cosa si scrive e si dice sui social network, oppure a pubblicizzare l’intensa e assolutamente sterile attività epistolare portata avanti dal Sindaco in questi mesi, probabilmente i risultati per Trivento e i triventini sarebbero diversi”. Il rappresentante della minoranza denuncia altre occasioni perse, come accaduto per i progetti “generatori” di economie in seguito all’accordo di Programma finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi prioritari e urgenti per la mitigazione del rischio idrogeologico (Delibera CIPE n. 8/2012) – MO3B Difesa suolo, in cui il comune di Trivento, sebbene avesse realizzato 37.022,85 euro di economie, non ha riottenuto indietro questa somma, come accaduto invece a gran parte dei comuni presenti nell’elenco, che hanno potuto così riutilizzare quelle somme in altri interventi sul territorio. A questo punto Pavone chiede “un deciso cambio di marcia e di atteggiamento da parte dell’amministrazione e ci auguriamo che in futuro l’azione di governo sia improntata alla salvaguardia delle prossime generazioni e non delle prossime elezioni”.

v.s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, posti letto dei privati in soccorso della sanità pubblica

Privati in soccorso della sanità pubblica. Per combattere il Coronavirus, in Molise non es…