Home Attualità Ambiente, la “guerra degli alberi” infuria ad Isernia
Attualità - Evidenza - QD - 17 Febbraio 2020

Ambiente, la “guerra degli alberi” infuria ad Isernia

I grandi interventi di “bonifica” nel Comune di Isernia sul verde urbano, sostituendo grandi “fusti” con piccole piantine, sollevano più di qualche dubbio. È la Lipu di Isernia che attacca il Comune per la politica ambientalista degli ultimi tempi, fatta di alberi eliminati in ogni angolo della città.

Basta scempio del verde Urbano a Isernia, chiede la Lipu, c’è bisogno subito di un piano per il patrimonio arboreo in città. Già nei mesi passati – continua la Lipu, abbiamo più volte denunciato la situazione che si è venuta a creare nel capoluogo pentro, dove negli ultimi anni, nonostante la situazione già disastrosa del verde urbano, si è proceduto con tagli assurdi e senza criterio, in nome della sicurezza dei cittadini.

”La legge – aggiunge Legambiente – considera strategica per qualsiasi amministrazione comunale la conoscenza dettagliata del proprio patrimonio arboreo e prevede che tutti i Comuni sopra i 15mila abitanti si dotino di un catasto degli alberi, piantino un nuovo albero per ogni bambino nato o adottato e che gli amministratori producano un bilancio del verde a fine mandato, che dimostri l’impatto dell’amministrazione sul verde pubblico. Il comune di Isernia – continua Legambiente – non è neanche a conoscenza dello stato attuale del suo patrimonio arboreo, come ha dimostrato nella mancata compilazione del dossier di Legambiente Ecosistema Urbano”.

In difesa dell’amministrazione, l’assessore comunale all’ambiente e al verde urbano, Domenico  Chiacchiari, evidenzia che, negli ultimi tempi, a fronte di  29 abbattimenti di fusti instabili, a causa di malattie o per effetto del  maltempo, ci sono state ben 247 nuove piantumazioni.

Restando sempre in tema di segnalazioni di cittadini e risposte del Comune, sulla strada di Le Piane, i residenti protestano chiedendo di asfaltare la strada e metterla a livello, perchè i tombini fuoriescono di molto dal manto stradale, creando pericolo alle auto in trasnsito. Infine una buona notizia: quella dell’appalto, dopo ben sette anni, dei lavori per la frana di via Occidentale, il comune ha bandito una gara da duecentomila euro per il ripristino originale dell’antica muratura di cinta franata. Ancora un avviso dal Comune, ed è quello relativo a un bando da seicentocinquantamila euro per l’acquisto dei locali dove sarà ubicato il Nuovo Centro per l’Impiego di Isernia che andrà via dal Palazzo della Provincia. Anche qui ci sarà l’avviso pubblico per il reperimento dei locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Termoli, scontro tra due auto: traffico bloccato a Difesa Grande

Traffico bloccato a difesa grande a Termoli a causa di un incidente avvenuto lungo la stra…