Home Attualità Termoli: autobus per la Sevel bloccato dalla polizia. “Mancanza di sicurezza”

Termoli: autobus per la Sevel bloccato dalla polizia. “Mancanza di sicurezza”

Nuova disavventura per circa 60 operai della Sevel che ieri dovevano partire dal terminal di Termoli alle 12,40 per raggiungere l’azienda della Val di Sangro. Il pullman a due piani dell’Atm segnava 34 gradi al piano superiore, temperatura raggiunta per il caldo anomalo che si registra sulla costa in questi giorni. Con il sistema di condizionamento rotto, gli operai si sono rifiutati di salire sul bus, anche perché all’interno mancava l’aria. Hanno provato a parlare con l’azienda, ma non trovando risposte hanno chiamato la polizia. Gli agenti dopo essere saliti sul mezzo hanno deciso di fermarlo e non farlo partire per mancanza di condizioni di sicurezza. Nel verbale stilato è stata segnalata l’assenza di cinture funzionanti, la rottura del sistema di condizionamento dell’aria e il parabrezza lesionato. L’autista è stato costretto a richiedere un nuovo bus all’Atm, che poi ha caricato gli operai che sono arrivati in fabbrica per il secondo turno con circa mezzora di ritardo. Insomma per garantire un viaggio sicuro ai pendolari Sevel è dovuta intervenire la Polizia. Non si tratta di un disagio isolato, perché da sempre gli operai che si recano al lavoro in pullman lamentano le pessime condizioni in cui sono costretti a viaggiare con gli autobus extraurbani. Sul caso del bus bloccato dalla polizia a Termoli è intervenuto anche il segretario della Uilm di Chieti-Pescara Nicola Manzi che ha invitato le istituzioni e le regioni Abruzzo e Molise, in primis a migliorare e ottimizzare i servizi affinché sempre più lavoratori possano utilizzare il trasporto pubblico specie nei turni di notte, per evitare i rischi della viabilità soprattutto dopo 8 ore di lavoro in fabbrica. Resta invece da quasi due mesi senza soluzione il problema di tutti quegli operai che non lavorano in Sevel ma in altre aziende della Val di Sangro. Dal 1 gennaio vengono lasciati davanti alla Sevel e sono poi costretti a percorrere anche 3-4 chilometri a piedi per raggiungere il posto di lavoro. L’accordo con l’azienda di trasporti, scaduto, non è stato ancora rinnovato dalla Regione Molise e i disagi si ripercuotono proprio sui lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Ecologia e bene comune: a Termoli l’incontro con il filosofo Francesco Botturi

Il professor Francesco Botturi, già ordinario di Filosofia morale e pro rettore dell’Unive…