Home Attualità Giornata diocesana del malato: “Nessuno venga lasciato nel suo dolore”

Giornata diocesana del malato: “Nessuno venga lasciato nel suo dolore”

«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11, 28). È stato questo il tema del messaggio di Papa Francesco scelto per la Giornata mondiale del malato celebrata martedì 11 febbraio 2020, solennità della Madonna di Lourdes.
La Diocesi di Termoli-Larino ha accolto e condiviso, come ogni anno, questo momento di preghiera, riflessione e fraternità con una celebrazione eucaristica comunitaria organizzata nella Chiesa di San Francesco a Termoli. La messa è stata celebrata da don Elio Benedetto, assistente spirituale diocesano dell’Unitalsi insieme a padre Paolo Cuvino, parroco di San Francesco e padre Francesco Savino, cappellano dell’ospedale San Timoteo. Presenti, tra gli altri, le associazioni di volontariato del territorio: Unitalsi, Avo, Volontariato Cappellania, Misericordia e altre realtà che assicurano il proprio servizio con impegno e amore verso il prossimo.
Prima della celebrazione, nella sala della casa di riposo-Rsa “Opera Serena” di Termoli è stato recitato il Santo Rosario a cura dei gruppi di preghiera di San Pietro e San Francesco.

“La giornata del malato – ha affermato don Elio Benedetto – riguarda tutti e ci invita a guardare la persona sofferente, sola e in difficoltà con gli occhi di Gesù. Lui è l’amico che accompagna ogni momento della nostra vita e ci riunisce nella Chiesa come una madre che tiene presente la tenerezza e la compassione del Figlio.
Oggi, in un mondo di benessere, ci si deve quasi giustificare della propria fragilità, se non si è perfetti. Facciamo in modo che nessuno sia scartato, come ci ricorda Papa Francesco, non lasciamo nessuno nel suo dolore ma, come ha fatto Gesù-samaritano, carichiamoci delle debolezze e delle fatiche di ogni sorella e di ogni fratello perché proprio nella sofferenza si può rivelare la nostra fraternità.
Ci affidiamo a Maria, salute degli infermi, forti di tante esperienze e pronti a compiere gesti gratuiti, immediati e semplici come espressione della bontà di Dio. Solo così – ha concluso il sacerdote – io guarisco l’altro e mi lascio guarire dall’altro tenendo impressa nel cuore una frase di Madre Teresa: “Non dare solo le cure ma anche il tuo cuore”.

Al termine della messa, in un contesto di partecipazione significativa, è stata organizzata una piccola processione “aux flambeaux” con la statua della Madonna di Lourdes accompagnata da canti mariani. Prima della benedizione è stata recitata la preghiera del malato.

La giornata diocesana del malato ha concluso anche le iniziative della “Settimana per la vita” promossa dalla Consulta diocesana per la Pastorale della Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Preoccupazione al Vietri: 5 anziani trasferiti da Cercemaggiore positivi al Covid. Il dg Asrem: “Stanno bene e presto verranno spostati”

Clima di tensione e di forte preoccupazione al Vietri di Larino, dove 5 dei 6 anziani che …