«Ho invitato i ragazzi ad andare su internet per fare ricerca cioè alla fonte, agli Archivi di Stato, a sorgenti più attendibili che non sono solo i libri di storia». Lo ha dichiarato l’assessore alla Cultura di Isernia, Eugenio Kniahynicki (FdI), a margine di un evento organizzato a Isernia per le scuole. Lo spettacolo ”Magazzino 18” di Simone Cristicchi. Nel suo intervento ha chiamato in causa anche lo studio della storia a scuola, provocando una reazione dei docenti che hanno lasciato la sala per poi far ritorno solo quando lo spettacolo è iniziato. “La storia e i fatti ci danno ragione. Questa pagina oscura è stata per troppo tempo negata. Spesso i libri di storia sono scritti da persone che hanno un legame emotivo e una loro emotività, questo vale a tutti i livelli, e spesso anche per pressioni si tende a non raccontare tutti gli accadimenti o a raccontarli attraverso un’interpretazione degli stessi”. “Negli ultimi decenni, è riemersa una pagina oscura della storia. Ci ha fatto molto piacere che Mattarella abbia dato un alto valore simbolico, ma anche pratico alla Giorno del ricordo”.

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 143 nuovi positivi, un ricovero e 224 guariti

I dati Covid adesso con il bollettino dell’Asrem. Sono 143 i nuovi positivi riscontrati in…