Home Apertura A gennaio cambia la Giunta. L’annuncio di Toma alla conferenza stampa di fine anno
Apertura - Attualità - Politica - Regione - Senza categoria - 30 Dicembre 2019

A gennaio cambia la Giunta. L’annuncio di Toma alla conferenza stampa di fine anno

Come ogni fine anno che si rispetti, anche quello di Donato Toma si chiude col botto. E’ al termine della tradizionale conferenza di fine anno che il Governatore esplode un petardo fragoroso, una detonazione che, indubbiamente, avrà delle conseguenze politiche a breve. Interrogato dai giornalisti sui maldipancia all’interno della maggioranza, quelli che da tempo covano e si sono manifestati in tutta la loro evidenza in occasione del Piano dei Trasporti dove la linea del Presidente è stata battuta, Donato Toma ha detto a chiare lettere che l’anno nuovo sul piano della Giunta porterà delle modifiche. Revisione delle deleghe e revisione della composizione del Governo regionale. Sui dettagli, Toma resta abbottonato. Non ho intenzione di ascoltare i partiti in questa fase – ha detto – poiché per quello che mi riguarda l’assetto politico resta quello dell’aprile 2018, ha poi aggiunto. Non bastano le dichiarazioni, chi decide di cambiare collocazione politica, deve farlo anche cambiando gruppo regionale di appartenenza. Ha precisato con nl’aria di chi si sta cavando di scarpa non un sasso ma una montagna e con evidente riferimento ai cambi di collocazione politica emersi in maggioranza.

Per il resto la conferenza stampa del Governatore è stata una lunga lista di interventi realizzati dalla Regione negli ultimi dodici mesi. Toma si dichiara particolarmente soddisfatto per quanto fatto in ambito sanitario. L’approvazione del Patto della Salute tra Regioni e Governo, con l’inserimento di tutte le clausole richieste dalla Regione Molise è stato un successo.Il riferimento principale è alla revisione del Decreto Balduzzi, la cui applicazione ha ridotto a brandelli la sanità molisana. Ma c’è spazio anche per altro: per il superamento dei commissariamenti e la revisione degli accordi con i privati, che, dice Toma, dovranno essere pagati dalle regioni dei pazienti che vengono a curarsi in Molise.

Toma è intervenuto anche sui temi del Sociale, Turismo, Cultura, sui fondi per la ristrutturazione della viabilità principale e secondaria, sull’agricoltura, sul lavoro e le partecipate regionali. Tutti ambiti di attività per i quali nel 2019 si è seminato e nel 2020 bisognerà lavorare per un solido raccolto.

Alla conferenza stampa hanno partecipato il Presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Pina Petta, e qello di Assostampa, Giuseppe Di Pietro. La nuova legge sull’editoria è uno dei risultati che Toma ha rivendicato per il governo regionale. A garanzia del lavoro e della democrazia, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Bojano – Una quindicina di alunni positivi, il sindaco Ruscetta chiude l’istituto comprensivo

Il dato nuovo, decisamente allarmante, arriva da Bojano, dove nelle ultime ore sono risult…