Ancora una proroga, per il servizio di trasporto urbano di Campobasso, alla Seac. Lo ha deciso l’amministrazione comunale per fare in modo che il servizio non subisca interruzioni. Va ricordato che la gestione del trasporto urbano è affidata alla Seac dal 30 aprile 1977 ed è andata avanti fino ad oggi anche se negli anni non sono mancate polemiche. Ed in effetti il Comune aveva pubblicato il bando per la concessione del servizio per gli anni 2018-2027, bando impugnato dinanzi al Tar dall’attuale gestore, così come aveva impugnato pure la procedura per l’affdamento in via provvisoria,ottenendo ragione dalla giustizia amministrativa.

Intanto la Giunta , con apposita delibera, ha ribadito la definizione dei servizi minimi essenziali. Il Consiglio comunale, con delibera dello scorso 23 dicembre, ha confermato i servizi minimi che corrispondono a 1 milione 88mila chilometri, per un valore di 2 due euro 71 centesimi per chilometro. Dato, questo che risale al 2018 e per il quale la Regione non ha comunicato alcuna variazione, anche se negli ultimi anni ha deciso un drastico taglio al chilometraggio. Per il 2020, in Bilancio, la proposta di delibera, per far fronte ai servizi minimi, è quella di stanziare 2 milioni 67mila su un capitolo e 886mila euro su un altro capitolo di bilancio. La Regione, dal canto suo, ha liquidato, per il 2019, un contributo parziale, nelle more delle verifiche sul costo effettivamente sostenuto per il servizio, relativo agli anni 2017 e 2018, pari a poco più di 144mila euro, a titolo di accaonto,su un totale di 1 milione 88mila euro a saldo del 2019.

Intanto è stata posticipata al 31 dicembre 2020 la scadenza per la pubblicazione del nuovo bando per l’affidamento del servizio di trasporto urbano, così come prevede la legge regionale numero 15 del 13 novembre scorso.Un servizio che avrà la durata di 9 anni, a decorrere dal 2021.

E restando in tema di bandi, è stato pubblicato l’elenco dei candidati alla carica di amministratore unico della Sea, la municipalizzata che gfestisce, per conto del Comune, il servizio di raccolta dei rifiuti e quello dello sgombero neve. 33 le candidadure, a fronte di 32 ammissibili. La nomina, che è di competenza del sindaco, riguarderà gli esercizi, 2020, 2021 e 22.

Attualmente il CdA, che scadrà tra qualche giorno, il 31 dicembre, è composto di tre componenti. Il sindaco Gravina ha deciso di affidare l’incarico ad un amministratore unico.

Potrebbe interessanti anche:

Il Covid concede una tregua: non ci sono nuovi contagi né ricoveri al Cardarelli

Nessun nuovo positivo dai 277 tamponi processati nelle ultime 24 ore. E’ quanto emer…