Home Apertura Guasto al passaggio a livello, da Campobasso sei ore in treno per arrivare a Roma
Apertura - Attualità - Evidenza - Regione - 6 Dicembre 2019

Guasto al passaggio a livello, da Campobasso sei ore in treno per arrivare a Roma

Le stazioni sono linde e pinte. I cartelli somigliano a quelli degli scali ferroviari importanti, con tanto di indicazioni in inglese. Roba da turismo internazionale. Peccato, però, che il treno che viaggia, per usare una parola grossa, lungo il binario unico Campobasso, Bosco redole, Bojano, Isernia, si scassi con una frequenza che va di pari passo con quella delle corse giornaliere. E quando non è il treno a guastarsi accade sempre qualcosa d’imponderabile su quel tratto di ferrovia.

Questa mattina, la pattuglia di pendolari che si è alzata di notte per salire sul treno diretto a Roma delle 5,50 è arrivata fino a Guardiaregia. Dieci minuti, venti, quaranta: un’ora di sosta per la rottura, pare, di una sbarra del passaggio a livello tra Bojano e Cantalupo. Il treno è stato soppresso, ma andrebbe fatto nel senso letterale della parola, e i passeggeri sono stati invitati a salire su quello partito da Campobasso un’ora dopo. In ritardo anch’esso di un trentina di minuti.

Conclusione, dopo un viaggio durato quasi sei ore, i passeggeri sono arrivati alla stazione Termini. Lo stesso tempo che più o meno il freccia rossa impiega per fare Roma Milano andata e ritorno.

A cosa serve, dicono a ragione i pendolari imbestialiti, rifare il maquillage alle stazioni se i treni presentano i problemi di sempre. Negli ultimi tre giorni ritardi e incidenti sulla linea si sono ripetuti con una puntualità disarmante. Gli imprevisti, sulla linea Campobasso Roma, quelli sì, sono inesorabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Termoli: lavaggio delle strade del centro, Rieco al lavoro

Ieri 12 agosto una squadra di operatori della Rieco ha provveduto al lavaggio meccanizzato…