Home Apertura Reddito di residenza attiva, oltre 600 progetti da tutto il mondo
Apertura - Attualità - Evidenza - Politica - Regione - 3 Dicembre 2019

Reddito di residenza attiva, oltre 600 progetti da tutto il mondo

I termini per la presentazione delle domande dell’Avviso pubblico Reddito di Residenza Attiva sono scaduti il 30 novembre. “Oltre 600 i progetti presentati” a dirlo, con soddisfazione, è l’ideatore dell’iniziativa, il consigliere regionale Antonio Tedeschi, che ha parlato di progetti arrivati da persone da tutto il mondo, dai 5 continenti, pronte a trasferirsi in Molise. Il bando prevede l’erogazione di 24 mila euro, divisi in tre annualita’, per chi decide di trasferire la residenza e di avviare un’attivita’ economica in un comune molisano fino a 2000 abitanti. “5.062 e-mail e 18.427 telefonate con richieste di informazioni pervenute in circa due mesi al call center regionale – ha continuato Tedeschi elencando i numeri del Reddito di Residenza Attiva, di cui hanno parlato anche i media internazionali – senza considerare quelle giunte nelle segreterie anche dei comuni. Un’occasione senza precedenti per la nostra regione, in termini di visibilità, contrasto allo spopolamento, sviluppo e crescita economica”. Secondo il consigliere regionale dei Popolari per l’Italia, il Reddito di Residenza Attiva è una contrapposizione al mero assistenzialismo e uno stimolo concreto all’imprenditorialità e al lavoro. “Una misura – ha ribadito – con la quale la Regione vuole aiutare chi ha la reale intenzione di investire e creare lavoro in Molise. Una sorta di antitesi del Reddito di Cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, che – ha detto ancora Tedeschi – secondo i numeri finora divulgati, non ha certamente prodotto gli effetti sperati in termini occupazionali, con i sindacati che parlano di circa mille posti di lavoro creati a fronte di 3 miliardi di euro di spesa”.

Con il Reddito di Residenza Attiva – ha spiegato – si vuole sostenere chi ha idee imprenditoriali valide e capaci di rivitalizzare il tessuto socio-economico dei nostri paesi. Lo abbiamo fatto al momento con risorse contenute vista la natura sperimentale della misura, ma che speriamo di poter incrementare nelle prossime annualità anche alla luce dell’enorme successo dell’iniziativa” ha concluso Antonio Tedeschi ringraziando quanti vi hanno contribuito e in primis il governatore Toma per aver sposato questa idea e averci creduto, fin da subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Campobasso semideserta nella giornata di Ferragosto. Ma alcuni esercizi commerciali hanno scelto di rimanere aperti

Traffico pressoché assente, sia in città che lungo la strada che dal capoluogo conduce a T…