Stato di agitazione sindacale al Pronto Soccorso del Veneziale di Isernia. Il personale, visto il permanere delle criticità, ha avvisato i commissari regionali Giustini e Grossi, la neo commissaria Asrem Maria Virginia Scafarto e il direttore sanitario del presidio ospedaliero pentro: in mancanza di una necessaria organizzazione per la degenza, che determina una precarietà nell’assistenza ai pazienti e un notevole stress per i medici, gli infermieri e gli ausiliari, scatta dunque la protesta. L’ennesima, di fronte a uno stato di cose che perdura da anni e che vede la sanità pubblica molisana e isernina in particolare relegata al ruolo di Cenerentola. Sul suo profilo Facebook, il dirigente medico Lucio Pastore ha spiegato che la Cgil ha chiesto un incontro in Prefettura per il congelamento del conflitto. “Vediamo se si riesce a sbloccare questa situazione. In caso contrario – ha concluso – saremo costretti a prendere altre iniziative e chiediamo alla cittadinanza si esserci vicini”. Intanto nuova riunione pubblica del Comitato ”In seno al problema” che ha avviato l’organizzazione di una manifestazione di protesta a Roma, sotto il ministero della salute per il prossimo 16 dicembre.

Potrebbe interessanti anche:

La Molisana acquista anche i locali tecnici dell’ex Zuccherificio

Era rimasto invenduto solo il lotto numero 3 dei 4 dell’ex Zuccherificio e oggi Past…