Home Apertura Inseguimento e sparatoria, rapinatore ferito
Apertura - Attualità - Evidenza - QD - 27 Novembre 2019

Inseguimento e sparatoria, rapinatore ferito

Scene da vero e proprio film d’azione, con inseguimento, soaratoria e un rapinatore ferito da un colpo d’arma da fuoco al Pronto Soccorso di Isernia. Comincia tutto ieri pomeriggio, sul far della sera, quando una Hyundai con tre persone a bordo affianca un anziano che stava passeggiando con il suo cane lungo la Piana di Cinque Miglia, a Roccaraso, in Abruzzo. Un uomo armato di pistola scende dall’auto e minaccia il passante, chiedendogli il portafogli. Questo glielo consegna senza fiatare, ma appena l’auto si allontana in direzione Isernia-Venafro, chiama il 113 e parte la caccia ll’uomo sulle strade del Molise, per la precisione sulla statale 158, la Castel di Sangro – Roccaravindola. Auto della Finanza, della Polizia e dei Carabinieri si lanciano all’inseguimento della Hyundai con i tre rapinatori.

Sono le Fiamme Gialle che li bloccano dopo che hanno tentato una deviazione dalla statale 158 nella frazione di Roccaravindola, fuggendo per le stradine interne di Masserie La Corte ed ecco un video girato da un residente della zona dove si sentono distintamente sirene e spari.

Nella sparatoria resta ferito a una gamba un rapinatore di 54 anni originario di Aprilia, un Rom vecchia conoscenza della giustizia che sembra collegato alla stessa famiglia che tempo fa rapinò il notaio Gamberale a Isernia. I Finanzieri lo soccorrono e vista la gravità della ferita non aspettano il 118, ma lo portano direttamente al Pronto Soccorso di Isernia dove ora il rapinatore è in stato di fermo, piantonato dalle Fiamme Gialle. Sul caso indaga il sostituto procuratore Gaeta, intanto le battute nelle campagne di Rocacravindola sono continuate per tutta la notte, ma non è stata trovata traccia degli altri due malviventi. Comunque hanno le ore contate, il clan a cui appartengono è conosciuto alle Forze dell’Ordine che già stanno monitorando le celle telefoniche per risalire agli altri  due componenti del commando che ieri sera ha messo a ferro e fuoco la provincia di Isernia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Procedure COVID-19, da Neuromed un successo per il Molise

L’Istituto Neuromed comunica che, così come già annunciato dall’Asrem nel corso della gior…