Home Provincia di Isernia Agnone Agnone. Cittadini, studenti e amministratori in piazza in difesa del Caracciolo
Agnone - Attualità - Evidenza - Provincia di Isernia - QD - 20 Novembre 2019

Agnone. Cittadini, studenti e amministratori in piazza in difesa del Caracciolo

Ispirata dal circolo culturale San Pio, la manifestazione in difesa del Caracciolo ha registrato un buon numero di adesioni. Oltre agli studenti hanno partecipato diversi amministratori e politici della zona. Il messaggio che arriva da Agnone è chiaro: i cittadini vogliono il pieno riconoscimento dello status di ospedale di area disagiata, quello di comunità non serve a un bel niente. Almeno per ora qualche buona notizia c’è: a Medicina è arrivato un nuovo medico e almeno per ora il reparto può continuare a garantire il servizio. Ma questi palliativi non bastano. Per dare un futuro al presidio ospedaliero altomolisano (che, è sempre opportuno ricordare, è vitale anche per i vicini paesi abruzzesi) è necessario ottenere maggiori garanzie, andando direttamente a Roma, ha ricordato il primo cittadino Lorenzo Marcovecchio a nome di tutti i sindaci dell’Alto Molise e dell’Alto Vastese. La prima cosa da far capire ai vertici della sanità è che il piano non può essere fatto a tavolino, senza conoscere il territorio. E a Roma già c’è andato il consigliere regionale Andrea Greco, dove ha incontrato il vice ministro alla Salute Pierpaolo Sileri, ricevendo importanti rassicurazioni. Intanto il sindaco di Capracotta, Candido Paglione, oltre a esprimere perplessità sull’eventuale attivazione dell’elisoccorso, chiede la fine del commissariamento e di destinare al Caracciolo il 5% della spesa sanitaria regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Ferragosto: sicurezza della mobilità è l’obiettivo primario della Polizia Stradale

Questi sono i giorni clou dell’estate con la maggior parte delle persone in ferie e …