E’ stato applicato anche in Molise il Codice rosso, la legge approvata lo scorso mese di luglio per aiutare le donne vittime di violenza domestica e di genere. Il provvedimento è stato emesso dalla procura della repubblica di Campobasso a carico di un uomo di 54 anni di Campobasso, accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate ai danni della moglie.

Le indagini erano scattate in seguito alla segnalazione di maltrattamenti nei confronti della donna. Ma l’episodio era solo l’ultimo, in ordine di tempo, di una lunga serie. Violenza fisica, psicologica, minacce che per anni la donna è stata costretta a subire, anche davanti ai figli. Ed è stato proprio l’intervento, provvidenziale, di uno dei ragazzi, minorenne, a salvare la vita alla madre, aggredita dal marito dopo l’ennesima discussione. L’uomo, disoccupato, era dedito all’uso di alcolici e pretendeva dalla moglie, che era costretta a lavorare per mantenere la famiglia,per altro numerosa, il denaro che utilizzava per acquistare gli alcolici. Di fronte al rifiuto da parte della donna erano botte e offese di ogni genere. Una situazione divenuta intollerabile per la vittima ma anche per i figli, costretti a vivere in un ambiente familiare costantemente teso e avvelenato dalle liti.

Gli agenti della polizia di stato sono intervenuti dopo l’ennesima aggressione ed hanno sequestrato un fucile che l’uomo deteneva legalmente, per evitare che potesse utilizzarlo contro i suoi familiari.

Ma alla chiusura delle indagini, sostenute anche da numerose testimonianze, esterne all’ambiente familiare, il Gip ha disposto l’allontanamento immediato dell’uomo dalla casa coniugale.

Potrebbe interessanti anche:

Truffe anziani, a Campobasso 87enne presa ancora di mira dopo tre anni

Anziani presi di mira dai truffatori a Campobasso, dove sono sempre più frequenti i raggir…