Home Cronaca Capracotta, il Giardino della Flora Appenninica festeggia 55 anni
Cronaca - Cultura ed eventi - Evidenza - 27 Ottobre 2019

Capracotta, il Giardino della Flora Appenninica festeggia 55 anni

E’ uno dei fiori all’occhiello nel panorama delle bellezze naturali della regione. Il giardino della Flora Appenninica di Capracotta ha tagliato il traguardo del cinquantacinquesimo anniversario dall’apertura.

E per l’occasione sono stati organizzati due giorni di eventi e di visite in uno degli angoli più incantevoli del Molise.

Anche un’occasione di festa e di incontro tra istituzioni cittadine, amici del giardino, studenti ed esperti di biodiversità, flora e aree interne.

In particolare, ci si è concentrati sulle opportunità che può offrire la montagna dell’Appennino nel momento in cui le preoccupazioni degli studiosi sono principalmente rivolte alla valutazione dei probabili effetti derivanti dai cambiamenti climatici e dal riscaldamento globale.

Forse territori come quello della zona di Capracotta, oltre alle iniziative per contrastare lo spopolamento, possono avere ancora qualche carta importante da giocare. Occasioni – ha dichiarato il sindaco Candido Paglione – che sicuramente vanno colte. Tra le iniziative anche un percorso dei sensi. In collaborazione con l’Associazione dei Retinopatici ed Ipovedenti -Molise, viaggiare a occhi chiusi nel giardino è stato possibile per alcune persone con problemi di vista.

La consigliera regionale Micaela Fanelli ha poi presentato la proposta di legge regionale sula “Tutela, Conservazione e Valorizzazione della Diversità Vegetale del Territorio Molisano”. La proposta, condivisa con l’assessore Cotugno, ha già trovato molti consensi, da più parti politiche, il che lascia ben sperare per un via libera anche in consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Camerunense segue malvivente e lo fa arrestare dalla Polizia, il Questore lo ringrazia: “Un esempio”

Sangue freddo e senso civico. Ma anche voglia di rendere giustizia a quel malcapitato pres…