Home Attualità Taglio dei parlamentari, Molise perde solo un seggio ma serve legge elettorale calibrata
Attualità - Cronaca - Evidenza - Politica - 9 Ottobre 2019

Taglio dei parlamentari, Molise perde solo un seggio ma serve legge elettorale calibrata

Stavolta, almeno in termini percentuali, il Molise, insieme alla Valle d’Aosta, è la regione meno penalizzata. Dopo il voto definitivo di Montecitorio, la delegazione parlamentare molisana si assottiglia di un solo seggio, peraltro di quello teorico che a volte è scattato con i resti, come è avvenuto alle ultime elezioni politiche del 2018.

Dunque, i parlamentari del Molise che arriveranno a Roma alle prossime elezioni rimangono quattro: due alla Camera dei Deputati e due in Senato. E’ il succo della legge di riforma che ha completato l’iter parlamentare con il voto definitivo di Montecitorio, dopo le quattro letture previste, che ridurrà il numero dei deputati dagli attuali 630 a 400. A Palazzo Madama, invece, i senatori passano dai 315 di oggi ai 200 futuri. Anche i seggi degli eletti all’estero hanno subito un taglio: da 12 a 8 i deputati e da 6 a 4 i senatori.

Uno dei nostri punti saldi del programma, ha commentato il deputato del Movimento cinque stelle , Antonio Federico.

Un primo passo per recuperare la fiducia dei cittadini – ha dichiarato la deputata di Liberi e Uguali, Giuseppina Occhionero – al quale devono seguire altre riforme di garanzia e una nuova legge elettorale”.

E proprio la legge elettorale dovrà essere calibrata sulla riforma che cambia il rapporto numerico di rappresentanza sia alla Camera dei Deputati (un deputato per 151.210 abitanti, mentre oggi è di uno per ogni 96.006 abitanti) sia al Senato (un senatore per 302.420 abitanti, mentre oggi è di un senatore per ogni 188.424 abitanti). Ciò comporterà la necessità di ridisegnare i collegi elettorali con un’altra legge.

Su questo fronte, le piccole regioni sono già sul chi va là. Allargare in questo modo il bacino elettorale mette a rischio proprio le regioni più piccole e i territori interni e montuosi. E, per queste zone, il taglio dei parlamentari potrebbe trasformarsi in una grave perdita di rappresentanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, lavori sulle scuole del centro urbano

È tempo di lavori pubblici e sistemazione di uffici al Comune di Isernia. La prima novità …