Si avvia alla conclusione una nuova campagna di scavi nell’area archeologica di San Vincenzo al Volturno, dove da 20 anni a questa parte sono impegnati gli studenti e gli archeologi dell’Università Suor Orsola Benincasa. Anche quest’anno il sito ha regalato grandi soddisfazioni e importanti novità. Una di queste riguarda la ricostruzione successiva all’invasione da parte degli saraceni, mentre il rinvenimento di un frammento di una la lapide ha confermato la presenza di un insediamento cristiano precedente a quello dei monaci benedettini, ha confermato il direttore degli scavi, Federico Marazzi. Gli scavi andranno avanti fino a sabato, quando a partire dalle 10:00, nell’ambito delle Giornate europee del patrimonio, ai visitatori sarà data l’opportunità di visitare il siti e di osservare gli archeologi al lavoro.

Potrebbe interessanti anche:

Consiglio comunale di Isernia: Amendola passa al gruppo misto, votata la gestione diretta di IMU, TASI e TARI

Si è aperta con una dichiarazione inaspettata la seduta del Consiglio comunale di Isernia.…