Home Cronaca Strade dissestate, Coldiretti: aziende rischiano di chiudere, nostri appelli inascoltati
Cronaca - Evidenza - Regione - 13 Settembre 2019

Strade dissestate, Coldiretti: aziende rischiano di chiudere, nostri appelli inascoltati

Le pessime condizioni che caratterizzano la nostre strade penalizzano fortemente le imprese

Anche la Coldiretti torna a denunciare il problema della viabilità, in modo particolare nelle zone interne, dove frane e smottamenti sulle strade provinciali rappresentano un fattore di rischio spesso imprevedibile per quei pochi che vogliono ancora fare impresa nei piccoli paesi.

Oltre a mettere a repentaglio l’incolumità delle persone, le strade dissestate creano enormi difficoltà per collegare, ad esempio, le aziende agricole e zootecniche ai centri abitati e alle principali arterie viarie. Un tir, un qualsiasi mezzo pesante che deve raggiungere località interne della regione, spesso si trova a dover affrontare percorsi non idonei.

Insomma, è la denuncia di Coldiretti, uno scenario in molti casi preoccupante per la tenuta economica di molte piccole imprese agricole.

Già a giugno, fanno sapere dall’associazione di categoria, la questione era stata segnalata al presidente della giunta Toma, all’assessore alle politiche agricole, Cavaliere e a quello ai lavori pubblici Niro, per chiedere interventi rapidi come quello sollecitato per chiusura a causa di una frana della strada Fiumarella, che collega Pietracatella a varie aziende agricole e zootecniche. Perché, si chiedono gli imprenditori dell’area, pur essendo stati stanziati i fondi per la viabilità rurale ancora non vengono effettuati i lavori? Questo – spiegano dalla Coldiretti – è solo un esempio delle tante criticità che bisogna affrontare a sostegno alle aziende agricole e zootecniche. Ormai – concludono – andiamo incontro all’autunno e la situazione delle strade con l’arrivo del maltempo non potrà che peggiorare. Situazioni vecchie di vent’anni, che però si trascinano più o meno con la stessa trafila. Richiesta di interventi, solleciti, incontri e promesse, più o meno disattese. Cambiano le amministrazioni ma le frane e le strade dissestate restano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, lavori sulle scuole del centro urbano

È tempo di lavori pubblici e sistemazione di uffici al Comune di Isernia. La prima novità …