Crisi di Governo permettendo, Palazzo d’Apollonio sarà restaurato e destinato a ospitare un museo della moda. Il recupero dell’edificio, posto nel centro storico, lungo corso Marcelli, sarà reso possibile grazie allo stanziamento di un milione e mezzo di euro nell’ambito‭ ‬del Contratto Istituzionale di Sviluppo. “‭Il filo di lana” – questo il titolo del progetto approvato dalla giunta comunale di palazzo san francesco – ‬è stato elaborato dall’Ufficio‭ “‬Politiche pubbliche‭” ‬nell’ambito del progetto integrato di valorizzazione dei tratturi,‭ ‬di cui è capofila il Comune di Campodipietra. Si è pensato così a un percorso concettuale ispirato dal Pescasseroli-Candela. Isernia era infatti uno snodo importante,‭un punto di riferimento per i pastori e per scambi commerciali di varia natura. Nel capoluogo, ricco d’acqua, in epoca pre-moderna c’erano cartiere e lanifici. Di fatto hanno posto le basi per lo sviluppo delle attività tessili, fino all’ascesa e al declino della Ittierre negli anni più vicini a noi. ‬Per‭ ‬conservare questo patrimonio, “‬Il filo di lana‭” ‬prevede sia la ristrutturazione di Palazzo d’Apollonio – con l’apertura del museo della moda -‭ ‬sia la riattivazione, sempre nel centro storico, di laboratori legati alle attività tessili. Un progetto ambizioso, che punta dunque a centrare diversi obiettivi: da un lato vivacizzare il cuore della città con la riapertura delle antiche botteghe, dall’altro si punta a non disperdere tutto quel patrimonio di conoscenze nel settore tessile, che fino a qualche anno fa hanno fatto conoscere il Molise in tutto il mondo. Ma soprattutto si recupera uno dei palazzi più belli della città, non a caso sottoposto a vincolo monumentale‭.

Potrebbe interessanti anche:

Agnone, incontro formativo per percorsi professionali da tecnico logistico

Giovedì 21 ottobre 2021, alle ore 11:00 presso la sala conferenze di Palazzo Bonanni ad An…