Home Attualità Montorio nei Frentani, riuscita la 23esima edizione di ‘Noi artisti di questa terra’
Attualità - Evidenza - QD - 14 Agosto 2019

Montorio nei Frentani, riuscita la 23esima edizione di ‘Noi artisti di questa terra’

La performance di Luca Ciarla e la sua singolare solOrchestra. Applausi ed emozioni per una proposta musicale di livello internazionale che ha richiamato in tanti a Montorio nei Frentani per seguire una serata intensa, la conferma di un progetto culturale che nel tempo si è consolidato come un punto di riferimento delle manifestazioni organizzate sul territorio.
L’impegno del coordinatore artistico, Antonio Molino, e una determinazione che ha permesso di superare anche gli ostacoli per continuare questo percorso fatto di oltre duemila artisti in ventitre edizioni valorizzando il paese, portando in un piccolo centro grandi eventi e i molisani che si sono distinti e continuano a distinguersi in Italia e all’estero. Quest’anno a presentare ‘Noi artisti di questa terra’ è stato il figlio Marco.
Riconoscimenti a ‘La Divina commedia’ opera musical e il suo tour che conferma un progetto di spessore: a Montorio il regista, Andrea Ortis, Antonello Angiolillo nel ruolo di Dante e la scenografa Lara Carissimi. Ancora, l’accademia internazionale del Musical con lo spettacolo Grease e tanti giovani talenti e il premio all’attore Davide Pinto. Sul palco di ‘Noi artisti’ premio cultura Giuridica al giudice Luigi Catelli, premio street art ad Alice Pasquini, musica per la pace a don Elio Benedetto e quello sportivo ad Elena Pellicciotti campionessa mondiale electric Boogie. A chiudere l’evento la band molisana dei Riserva Moac con un concerto dinamico e coinvolgente flok rock che continua a trasmettere anche messaggi significativi in Italia e all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Medico agnonese muore a Roma, faceva parte della task-force anti Covid

Una tragedia avvenuta a Roma ha scosso ancora una volta la comunità di Agnone. Ha perso la…