Home Attualità Finisce in carcere giovane ladro. Controlli della Finanza sul territorio

Finisce in carcere giovane ladro. Controlli della Finanza sul territorio

Di nuovo in cronaca un giovane di 20 anni, che ora è finito in carcere. La Polizia di Agrigento, su delega della Squadra Mobile di Campobasso, ha eseguito una ordinanza di aggravamento della misura cautelare a suo carico, emessa dal GIP del capoluogo su richiesta del Procuratore Nicola D’Angelo. Il ragazzo era già stato arrestato negli scorsi mesi per furti in concorso con un coetaneo.

Si sottrasse a una delle misure rifugiandosi a Favara, in Sicilia. In un garage a Campobasso rubò, a marzo, attrezzi da lavoro e apparecchiature elettroniche; poi un costoso telefonino in un negozio in centro. Reati per i quali era finito ai domiciliari. Successivamente nella scuola Jovine rubò computer, scanner e altro, ma, inseguito dagli agenti della Volante abbandonò tutto. A distanza di poco rubò le chiavi della macchina a una vicina di casa e insieme al coetaneo la utilizzò per andare a San Severo ad acquistare droga, lasciando la vettura lì. Per il suo recupero, poi, costrinse con minacce la proprietaria dell’auto a dargli soldi, con l’aiuto di familiari. Anche per questi fatti finì ai domiciliari a Campobasso. Fu poi autorizzato a trasferirsi a Favara.

Nonostante non potesse comunicare con terzi il 20enne, però, in concorso con la madre, ha contattato la vittima del furto dell’auto minacciandola di nuovo affinchè cambiasse la versione dei fatti a loro favore. Il GIP, alla luce di ciò, ne ha ordinato l’arresto in carcere, ad Agrigento.

Sul fronte controlli, le Fiamme gialle del capoluogo, nell’ultimo periodo hanno eseguito 12 interventi antidroga a Campobasso, Sepino, Termoli, Campomarino e Ururi. Sequestrati 370 grammi di cocaina e 70 tra eroina, hashish e marijuana, un coltello e tre bilancini di precisione, Impegnate anche unità cinofile del Corpo.

Dodici le persone segnalate, di cui una processata per direttissima dal Tribunale di Larino e condannata a un anno e 4 mesi di reclusione per spaccio.

I Finanzieri hanno poi sequestrato sul litorale e nel capoluogo, 100 borse, 79 cappellini e 1900 accessori d’abbigliamento, tutti con marchi contraffatti. Sei le persone segnalate. Controlli anche sul fronte degli affitti in nero con due casi di irregolarità riscontrati. Infine, individuati e verbalizzati 2 impianti di carburanti per mancata comunicazione dei prezzi praticati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Incendi boschivi: i Carabinieri Forestali intensificano i controlli e deferiscono all’Autorità Giudiziaria 11 persone

In questo periodo dell’anno si sta registrando sul nostro territorio un incremento dei cas…