Home Attualità Termoli: voto unanime sulla sanità. “Subito una riorganizzazione adeguata alle esigenze del territorio”

Termoli: voto unanime sulla sanità. “Subito una riorganizzazione adeguata alle esigenze del territorio”

Per una volta non ci sono divisioni politiche, ma una volontà comune di potenziare l’ospedale San Timoteo e salvarlo, a dispetto dello svuotamento di servizi e professionalità a cui i cittadini in questi anni hanno assistito. Gli stessi cittadini che ora però dicono basta e che numerosi hanno partecipato al consiglio monotematico in difesa della sanità pubblica. All’unanimità l’assise ha votato l’ordine del giorno presentato dal Pd e firmato da tutta la minoranza con cui si chiede che venga aperto un tavolo di confronto con le istituzioni a tutti i livelli per arrivare a un necessario e urgente intervento che ristabilisca in Molise un’organizzazione sanitaria adeguata alle esigenze della popolazione, compresa l’immediata indizione di concorsi. Per il sindaco Francesco Roberti il problema della sanità “non è tecnico ma politico, nazionale e regionale”, ha affermato in assise.

Un consiglio aperto agli interventi esterni, già programmati, tra cui quello di Filippo Vitale, per 30 anni direttore sanitario del San Timoteo e nel 2018 responsabile unico della rete ospedaliera regionale, ora in pensione. Una lunga esperienza quella di Vitale che conosce alla perfezione i problemi, le carenze, quello che funziona all’ospedale di Termoli. Vitale è partito da un punto fermo, e cioè che il piano sanitario 2015-2018 ormai scaduto ma ancora vigente non è stato ancora attuato. Si è dato seguito alle chiusure, impoverendo la rete, senza invece procedere alle aperture, come quella della riabilitazione per acuti, prevista con 40 posti letto. “Bisogna partire da qui, dall’attuazione del vecchio piano per porre le basi al nuovo” ha dichiarato. “Non abbiamo l’autosufficienza, dobbiamo chiedere un Dea di II livello, i miei colleghi medici non possono perdere tempo al telefono per pietire trasferimenti a Vasto, Pescara o Foggia” ha aggiunto Vitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il rito delle ceneri che ricorda le fragilità: celebrazioni in Cattedrale del vescovo De Luca

“Il rito delle sacre ceneri ci ricorda le nostre fragilità e le nostre precarietà ma propr…