Home Provincia di Campobasso Campodipietra Jazz in Campo: Sorgentone travolge il pubblico di Campodipietra

Jazz in Campo: Sorgentone travolge il pubblico di Campodipietra

A vederlo da lontano sul palco, un armadio che sfiora i due metri, e a sentire la sua voce piena e calda come un blues man di colore a tutto si pensa fuorché ai 17 anni e ai suoi natali catanesi. Ma Emanuele Bertelli, accompagnato dai genitori in prima fila al concerto, calca le scene da quando era alto un metro e una spanna. E’ stato uno dei bambini d’oro della fortunata trasmissione di Antonella Clerici, Ti lascio una canzone e poi, l’anno scorso, nelle mani di Mara Maionchi ha conquistato tutti a X Factor, altra fucina di grandi musicisti e cantanti.

Uno stile asciutto, quello di Emanuele, che però sa già il fatto suo e accompagnandosi al piano cala sul palco pezzi intramontabili del blues. La sua versione di Human di Rag’n Bone Man su youtube ha superato i due milioni di visualizzazioni.

Atmosfera completamente diversa al cambio palco: arrivato un minuto prima di esibirsi a causa di un imprevisto, Antonio Sorgentone ha avuto sul pubblico di Campodipietra lo stesso effetto che ha avuto sui giudici di Italia’s Got Talent: tutti a bocca aperta per questo virtuoso del pianoforte.

Uno stile, quello del musicista di Giulianova, che riporta indietro di quasi un secolo, al rag time e allo swing degli anni Trenta, con incursioni nel boogie woogie e nel rock and roll degli anni ’50. Fino a riproporre classici del jazz italiano di un passato glorioso come Natalino Otto, Renato Carosone, Nicola Artigliano, Fred Buscaglione.

Quello di Sorgentone è un crescendo che parte dallo stile compassato del pianista del saloon che accarezza il piano con gentilezza, per poi dominarlo e sottometterlo con una foga irresistibile che conquista e coinvolge tutti. Proprio come nella fortunata trasmissione televisiva che lo ha consacrato al grande pubblico. E che sul palco di Campodipetra ha lasciato impressa la sua inconfondibile impronta di artista.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Majorana-Fascitelli, il commosso saluto agli studenti della preside Di Nezza

Carissimi, come da consuetudine rivolgo il mio saluto istituzionale alla comunità educativ…