Anche quest’anno Castelpetroso si è ritagliato un posto di rilievo fra i 300 campi scuola selezionati nell’ambito del progetto “Anch’io sono la protezione civile”, promosso dal dipartimento nazionale. Guidati dai volontari del gruppo don Nicola Canzona, 30 ragazzi e ragazze dagli 11 ai 16 anni hanno trascorso 5 giorni nel campo allestito su monte Patelecchia. Tutti insieme hanno condiviso esperienze davvero significative. Ma hanno anche imparato tanto, riempiendo il loro zaino di competenze che un domani potranno tornare utili a se stessi, ma soprattutto agli altri: “Grazie all’organizzazione di protezione civile don Nicola Canzona – ha spiegato Cristina Giancola – i ragazzi hanno trascorso 5 giorni nel campo allestito in vetta a monte Patelecchia, 5 giornate in cui si è spiegata l’importanza dell’autoprotezione, della prevenzione e del sentirsi parte di un sistema che ha bisogno dell’aiuto tutti. Hanno incontrato alcune delle strutture operative della Protezione civile, dei Vigili del fuoco, della Guardia di finanza e Soccorso alpino. I partecipanti hanno condiviso con i compagni l’esperienza di vivere in tenda. Esperienza importante anche per i volontari che in questa occasione hanno potuto mettere alla prova la propria capacità operativa e di gestione del campo”. Oltre agli incontri con gli esperti della Protezione civile, dei Vigili del fuoco, della Guardia di finanza e del Soccorso alpino, quest’anno si è scelto di aggiungere una nuova tappa, visitando la sede della cooperativa Lai-lavoro anch’io di Isernia, dove hanno avuto modo di apprezzare il lavoro che ogni giorno svolgono i ragazzi.

Potrebbe interessanti anche:

La Caritas di Trivento in soccorso ai terremotati della Turchia e Siria. Stanziati 5 mila euro e avviata la raccolta fondi

La Caritas di Trivento in soccorso ai terremotati della Turchia e Siria. Stanziati 5 mila …