Home Attualità Viadotto Sente, sì del Provveditorato ai lavori per la riapertura
Attualità - Evidenza - QD - 27 Giugno 2019

Viadotto Sente, sì del Provveditorato ai lavori per la riapertura

Sì ai lavori sulla terza pila in cemento, ma per la riapertura del viadotto “Sente – Longo”, chiuso a metà settembre dello scorso anno, sarà necessaria prima una approfondita analisi geologica sull’intera infrastruttura. È quanto emerso dall’incontro a Napoli dove il consigliere regionale Andrea Greco e il presidente reggente della Provincia di Isernia, Roberto Di Pasquale, hanno incontrato il comitato tecnico amministrativo del Provveditorato alle Opere pubbliche di Campania e Molise.

“È stato un incontro positivo perché abbiamo incassato l’ok sull’esecuzione delle nuove opere che interesseranno la pila in cemento traslata – ha dichiarato Greco in un suo video postato su Facebook – tuttavia, affinché si torni a circolare sull’importante arteria, bisognerà ottemperare ad alcune prescrizioni quali la revisione totale del viadotto”. Al riguardo lo stesso Greco ha annunciato che, insieme al consigliere regionale Vittorio Nola, all’onorevole abruzzese Carmela Grippa e ai tecnici della Provincia di Isernia, questa mattina sarebbe andato a Roma, presso la direzione generale dell’Anas. In questa sede, sia Greco che tutti gli altri, hanno chiesto all’Anas di prendere in carico le nuove opere e la revisione generale dell’infrastruttura tramite una convenzione.

“Ad oggi Anas è l’unico soggetto che, grazie a uomini e mezzi a disposizione, è capace di poter gestire la riapertura del Sente ­Longo. In merito vogliamo essere ottimisti soprattutto in virtù di contatti avvenuti in precedenza” ha aggiunto il consigliere regionale di Agnone. “Quella del Sente è una problematica che ci sta a cuore perché capiamo perfettamente gli enormi disagi provocati a imprenditori, studenti, lavoratori pendolari che quotidianamente attraversavano l’arteria per venire in ospedale, a scuola o a lavorare ad Agnone”. Come ben si ricorderà per le nuove opere attese sul viadotto Sente, l’attuale Governo, tramite il Decreto Genova, ha investito circa due milioni di euro. Ma sarà davvero difficile che bastino per rendere di nuovo percorribile il viadotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Controlli massicci della Polizia per contrastare l’uso dei telefonini alla guida

È ormai noto e documentato che la distrazione causata dall’uso dei telefoni cellulari alla…