34.9 C
Campobasso
domenica, Luglio 14, 2024

Vastogirardi. La storia dell’ultimo banditore del Molise premiata a un concorso in Sicilia

AttualitàVastogirardi. La storia dell'ultimo banditore del Molise premiata a un concorso in Sicilia

“È riuscito a farci fare un meraviglioso viaggio nel tempo, unendo in un equilibrio perfetto Storia, Tradizioni e Cultura, che rappresentano sì il passato, ma che ci hanno fatto rivivere suggestioni ed emozioni nel presente”. on questa motivazione la Giuria Tecnica del concorso “Raccortiamoci”, organizzato a Messina, ha assegnato il primo posto al video che racconta la storia di Felice Di Tella, ultimo banditore del Molise. L’idea di produrre “Siete tutti invitati” – questo il titolo del corto premiato in Sicilia – è stata di Chiara Formichella. Lo ha realizzato affidando il montaggio a Diego Monfredini. 87 anni, originario di Vastogirardi, Felice di Tella ha avuto il merito di tenere in vita un mestiere di cui ormai si sono perse le tracce. Ma non nel paese altomolisano, dove il banditore, munito della sua leggendaria trombetta, gira ancora vicolo per vicolo per informare i suoi compaesani. La figura del banditore ha origini antichissime. Nota già in epoca romana, si sviluppò nel medioevo. Un lavoro utilissimo, perché permetteva di far circolare le notizie in maniera capillare e veloce. A volte ricorrevano al banditore anche i commercianti per proporre le loro mercanzie. Mentre fino a qualche decennio fa, molti Comuni vi ricorrevano per dare ai cittadini informazioni di pubblica utilità. Con l’avvento delle nuove tecnologie, il banditore ha esaurito la sua missione. Ma a Vastogirardi ancora resiste, grazie al signor Felice. Circa 25 anni fa decise di raccogliere l’eredità tramandatagli da Odoacre di Benedetto e Domenico Izzi. E oggi, grazie anche al video ideato da Chiara Formichella, suscita emozioni e ammirazione proprio su quei mezzi di comunicazione che di fatto hanno decretato al fine del banditore.

Ultime Notizie