28.9 C
Campobasso
domenica, Giugno 16, 2024

Emergenza acqua in Basso Molise: arrivano le autobotti, aperto in tutta fretta il Molisano Centrale

AperturaEmergenza acqua in Basso Molise: arrivano le autobotti, aperto in tutta fretta il Molisano Centrale

Secondo giorno di emergenza acqua in diversi comuni del Basso Molise. Situazione critica a Portocannone, Ururi e San Martino dove sono arrivate le autobotti. I tecnici di Molise Acque hanno lavorato fino a notte fonda per risolvere il guasto all’impianto di potabilizzazione dell’invaso del Liscione, ma il problema non è stato ancora risolto completamente e l’azienda speciale ha deciso di aprire in parte il ramo del Molisano Centrale, per poter far trovare un po’ di acqua questa mattina nei serbatoi comunali. Effettivamente un flusso minimo è arrivato, ma insufficiente a soddisfare le richieste. Le prime autobotti della protezione civile chiamate dal sindaco Giuseppe Caporicci a Portocannone sono arrivate già ieri sera. Oggi di nuovo, accompagnate da una vettura della municipale che avvisava con un megafono della sosta dell’autobotte nei quartieri. In fila pazientemente, ma stanchi tanti cittadini

A Ururi questa mattina flusso in entrata 8 litri al secondo a fronte di una situazione che nella normalità dell’erogazione è pari a 18 litri al secondo. Il sindaco Raffaele Primiani ha aperto il serbatoio per garantire un minimo di acqua nelle case, ma molte attività commerciali sono rimaste chiuse. Stessa situazione a San Martino in Pensilis, dove pure arrivano 8 litri al secondo, a fronte di 73 che ne enescono per il fabbisogno della popolazione. Il serbatoio è quasi a secco.

Acqua arrivata stanotte anche a Petacciato. A Larino per il momento flusso ridotto del 50 per cento da parte di Molise Acque. Il sindaco Pino Puchetti in via precauzionale ha chiesto le autobotti per l’ospedale e per il carcere. L’acqua per il momento c’è, ma viene razionata e chiusa per diverse ore durante il giorno e la notte. Il Commissario straordinario di Molise Acque Giuseppe Santone contattato da Telemolise ha spiegato che l’emergenza non è ancora superata, ma i tecnici stanno lavorando a pieno ritmo per far arrivare sempre più acqua nei Comuni. Nel giro due giorni, salvo imprevisti dovrebbe tornare tutto alla normalità.

Ultime Notizie