Home Attualità Torna a solcare il mare il nome di Tullio Tedeschi, varata la nave intitolata alla medaglia d’oro
Attualità - Evidenza - QD - 13 Maggio 2019

Torna a solcare il mare il nome di Tullio Tedeschi, varata la nave intitolata alla medaglia d’oro

Hanno dato il suo nome, Tullio Tedeschi, ad un battello simbolo, destinato agli incursori dei corpi speciali della Marina, erede diretto di quei barchini esplosivi con cui gli incursori dell’epoca colpivano e affondavano le navi inglesi. La corda che reggeva la bottiglia di spumante che si è infranta sulla fiancata della Tullio Tedeschi, prima del suo varo in mare, a Messina, è stata tagliata da Rosangela Tedeschi, figlia di Tullio, l’incursore della marina militare italiana che il 26 marzo del 1941, nella baia di Suda, sull’isola di Creta, fu protagonista di un atto di valore con i suoi commilitoni, riuscendo a colpire e ad affondare, con il suo motoscafo-siluro, il grande incrociatore britannico York. Un’azione coraggiosa che valse all’isernino Tullio Tedeschi la medaglia d’oro al valore militare. A distanza di oltre trenta dalla sua morte, oggi simbolicamente il suo nome torna a solcare il Mediterraneo. Lo fa con una unità polivalente, destinata gli incursori di oggi, eredi diretti dei corpi speciali di cui faceva parte Tedeschi. Una intitolazione simbolica, quel nome, su quella nave, destinata a quel tipo di operazioni, è come un timbro d’origine. La Tullio Tedeschi ha una vocazione per interventi a 360 gradi, dal trasporto degli incursori in territorio nemico, al recupero di ostaggi, fino alla difesa delle navi da terroristi o pirati: questo è lo scopo della Tullio Tedeschi, della Marina Militare, varata a Messina. A presentarla Valter Girardelli, capo di stato maggiore della Marina italiana. Si tratta della seconda unità navale polifunzionale da alta velocità, commissionata a Intermarine. Prodotta in una prima fase a Sarzana (La Spezia) e poi terminata a Messina, dove è stata messa in acqua alla presenza dei due figli, Rosangela e Francesco. Protezione balistica, resistenza al calore, schermatura dalle interferenze elettromagnetiche, ridotto peso ed elevata resistenza strutturale, la Tedeschi può ospitare un equipaggio di 27 persone, tra equipaggio fisso e team degli incursori delle Forze Speciali imbarcato. Ha una lunghezza di 44 metri, una larghezza di 8,4 metri e un dislocamento di 190 tonnellate. La piattaforma permette l’imbarco dello Zodiac, un mezzo veloce in dotazione agli Incursori, tramite uno scivolo a poppa e un sistema integrato di lancio e recupero. Un’area modulare nella zona poppiera del ponte coperta permette diversi tipi di operazioni, quali assalto navale, rilascio e recupero incursori impiegati in operazioni speciali. Quelle stesse operazioni speciali che 78 anni fa videro come protagonista l’isernino Tullio Tedeschi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Isernia. “Tutti in campo”, il progetto della Caritas diocesana nello spot dell’8 per mille

È destinato a diventare un modello anche per altre realtà italiane “Tutti in campo”, il pr…