Una festa molto sentita, tramandata con grande orgoglio di generazione in generazione, quella che la gente di Sant’Angelo in Grotte dedica a San Michele Arcangelo. Il momento più suggestivo è quello dell’incendio del campanile che sovrasta una grotta leggendaria. Di anno in anno richiama un buon numero di visitatori anche dalle regioni vicine. Una tradizione molto antica, che testimonia il desiderio della gente del posto di offrire qualcosa di grande al loro protettore, senza però perdere di vista il significato religioso. L’incendio del campanile è preceduto da una processione particolare: è infatti affidato alle donne il compito di portare il quadro del santo nella grotta dove sarà celebrata la messa. Grazie a questa ricorrenza, si ha la possibilità di scoprire e apprezzare un borgo ricco di arte e storia. Oltre alla grotta. Ci sono gli affreschi nella chiesa di San Pietro in Vincoli. Da vedere anche il centro storico, ricco di monumenti.

Potrebbe interessanti anche:

La Asd Free Runners Isernia tra i seimila della Napoli City Half Marathon

Grandi emozioni alla Half Marathon di Napoli: merito della Asd Free Runners Isernia, che q…