Riduzione dei tempi di percorrenza della tratta Campobasso-Roma, promozione del trasporto su ferro e miglioramento della vita quotidiana dei pendolari. Questi i tre obiettivi che si pongono Regione Molise e Ferrovie dello Stato mediante l’elettrificazione della tratta Roccaravindola-Campobasso. Ieripomeriggio, presso lo scalo ferroviario di Roccaravindola, l’inaugurazione dei lavorialla lineache si concluderanno entro il 31dicembre 2023. Ma il progetto è ancora più ambizioso: collegare la linea con l’alta velocità (dopo Cassino) e ripristinare i collegamenti ferroviari dalla Capitale e da Napoli fino alla costa adriatica. Soddisfazione da parte del presidente della Regione, Donato Toma e dell’assessore ai Trasporti, Vincenzo Niro presenti al taglio del nastro. A illustrare i dettagli dell’intervento alla rete ferroviaria anche alcuni rappresentanti di Ferrovie dello Stato. Presenti anche diversi amministratori locali. Un’opera, l’elettrificazione della Roccaravindola-Campobasso del valore complessivo di circa 80milioni, di cui trenta per la prima parte del tragitto (fino a Isernia) e i restanti per elettrificare fino al capoluogo di regione. Di questi circa un terzo provengono dalla Regione Molise. La convenzione con Rfi, inoltre, prevede anche treni nuovi, in alcuni casi sperimentali che garantiranno maggiori comfort per i passeggeri. Al termine dei lavori da Campobasso per raggiungere Roma ci vorrà circa mezz’ora in meno. «Se si calcola che, attualmente, per percorrere la tratta ci si impiega circa due ore e cinquanta – ha dichiarato l’assessore Niro – ci si rende conto dell’importanza dell’opera che andiamo ad inaugurare». «Un obiettivo importante quello che ci siamo prefissati insieme a Rfi», hadichiarato, invece, il presidente Toma che poi, restando a tema ha commentato: «Il futuro del Molise passa sui binari dell’ambizione che tutti noi molisani dobbiamo avere perraggiungere migliori traguardi». Traguardi raggiungibili puntando fortemente sulle infrastrutture, in primis sulla strada a scorrimento veloce a quattro corsie che il governatore spera possa essere finanziato dal governo nazionale.

Potrebbe interessanti anche:

Parcheggi a pagamento, tribunale dà ragione al Comune di Isernia

L’amministrazione comunale informa che il Tribunale di Isernia, con ordinanza dello scorso…