Home Attualità Ruotolo e Albanese: “Oggi più che mai si ha bisogno della voce dei giornalisti che raccontano la verità”

Ruotolo e Albanese: “Oggi più che mai si ha bisogno della voce dei giornalisti che raccontano la verità”

Campobasso – convegno 23 marzo 2019 con Ruotolo e Albanese

Sandro Ruotolo e Michele Albanese sono due giornalisti noti, sotto scorta perchè hanno raccontato e raccontano, con le loro inchieste, senza paura, affari e collusioni di Camorra e ‘ndrangheta, della criminalità organizzata. L’Assostampa Molise, il sindacato dei Giornalisti, li ha invitati a Campobasso nell’incontro chi ha paura dell’informazione? Le mafie, la cattiva politica e il malaffare. “Certo è che in Italia il giornalismo è messo sotto attacco più che nel resto d’Europa – ha detto Ruotolo – e quando u cronista viene ferito, ucciso, minacciato, è la democrazia ad essere colpita. Oggi più che mai, visto il clima sociale, l’odio, il razzismo, serve il giornalista che informa”.

Ruotolo e Albanese hanno risposto alle domande dei colleghi Giovanni di Tota, di Telemolise e Monica Vignale, direttrice di Primonumero. “Grazie alla protezione dello Stato io ho vinto” ha detto Ruotolo. “Zagaria ha perso al 41 bis”. Albanese vive in un territorio difficilissimo. “E’ dura vivere sotto scorta, tante le limitazioni, si soffre perchè l’uomo nasce libero. Ma non mi arrendo” ha detto. La ‘drangheta, la criminalità organizzata, arriva ovunque. Dove c’è lo sporco, fa affari. L’economia illegale arriva a 150 miliardi di euro all’anno. “Una montagna di soldi che mette a rischio la democrazia. Noi, voi giornalisti anche in Molise, siamo una delle armi per combattere questa illegalità che non lascia immune nessuna regione” ha spiegato Albanese.

La stampa italiana – hanno detto – è sotto attacco, dalla mafia, dalla cattiva politica e dal malaffare. Se noi non parliamo, non facciamo conoscere chi viene votato, la gente può non sapere e magari sceglie il politico che fa poi leggi sbagliate. La stampe è il cane da guardia della democrazia”.

Giuseppe Di Pietro, presidente regionaledi Assostampa, ha spiegato il senso dell’incontro e ha nuovamente posto l’accento sulla necessità di un intervento urgente per risolvere la crisi drammatica che in Molise vive il settore dell’editoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Trasporto pubblico, Facciolla: a rischio le corse di bus e treni ai danni delle aree interne

Arrivano ancora notizia di soppressioni di treni e autobus a danno sopratutto delle aree i…