Mentre sul tratto già percorribile della Fresilia gli automobilisti continuano a combattere con frane e smottamenti, arrivano buone notizie per il completamento del terzo lotto della fondovalle. L’amministrazione provinciale di Isernia ha infatti approvato il progetto preliminare. La spesa prevista è di quaranta milioni di euro, stanziati nell’ambito del patto per il sud dal governo Renzi. Un’opera attesa da decenni, ritenuta di importanza strategica perché consentirà di creare un collegamento diretto tra la Bifernina, la Trignina e la Fondovalle Verrino. Il mese prossimo i vertici e i tecnici dell’ente di via Berta illustreranno i dettagli del progetto sia a Frosolone sia ad Agnone, i due centri maggiormente interessanti alla realizzazione di questo tratto di strada. Il completamento della Fresilia, infatti, permettere di ridurre notevolmente i tempi di percorrenza fra l’Alto Molise e Campobasso. “Questa è una svolta epocale – ha dichiarato a ecoaltomolise.net il vice presidente della Provincia Cristofaro Carrino – per tutti i paesi dell’Alto e Medio Molise, poiché li toglierà dall’isolamento. Al tempo stesso ridarà ossigeno alle attività produttive, da sempre frenate da collegamenti che lasciano a desiderare”. La Provincia di Isernia punta ora a dare un’accelerata all’iter. L’obiettivo è quello di assegnare i lavori entro la fine dell’anno, mentre per la consegna dell’opera occorreranno non meno di due anni. Intoppi burocratici e ricorsi permettendo.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…