Home Attualità Presentate le app Museo Sannitico-blind experience e Museo Sannitico-deaf experience
Attualità - Evidenza - 12 Dicembre 2018

Presentate le app Museo Sannitico-blind experience e Museo Sannitico-deaf experience

Il Presidente della Repubblica ha conferito la Medaglia di rappresentanza alla presentazione delle applicazioni Museo Sannitico-blind experience e Museo Sannitico-deaf experience. Presentazione che è stata fatta al Museo Sannitico di Campobasso.

La Medaglia del Presidente della Repubblica è un riconoscimento che viene attribuito a iniziative ritenute di particolare interesse culturale, scientifico, artistico, sportivo o sociale e rappresenta l’ideale partecipazione del Presidente a tali iniziative. Le due applicazioni innovative per permettere l’accessibilità ai contenuti del Museo Sannitico a persone con disabilità visive e uditive sono parte del progetto Smart Cultural Heritage for All, creato dalla collaborazione tra il coordinatore del progetto per il Polo Museale del Molise, architetto Saverio Ialenti, i docenti di Scienze della Comunicazione Fabio Ferrucci e Giovanni Maddalena, la società Heritage di Torino, specializzata in nuove tecnologie applicate ai beni culturali, e la onlus COAT, centro di orientamento per ausili tecnologici. “Il MiBAC è impegnato da anni nel miglioramento dell’accessibilità fisica, sensoriale e culturale all’interno dei Musei e delle aree archeologiche statali – dichiara l’architetto Saverio Ialenti. Oggi è quindi un giorno di grande soddisfazione, resa ancora più grande dal riconoscimento del Presidente della Repubblica”, “Siamo davvero contenti e onorati per l’attenzione che il Presidente della Repubblica rivolge alle persone con disabilità. Siamo convinti che il pensare a persone con disabilità favorisca una modalità più profonda di comunicazione e fruizione dei musei per tutti” – il commento del prof. Fabio Ferrucci delegato del Rettore alla disabilità e responsabile del progetto. “È un tipo di comunicazione innovativo, poggiato sulla narrazione del significato e l’integrazione di oggetti, immagini, suoni, parole con le nuove tecnologie” dice il professor Maddalena – che ha rielaborato i contenuti scientifici forniti dai funzionari archeologi del Polo Museale del Molise, dott.ssa Viviana Carbonara e dott. Davide Delfino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Fiamme gialle scoprono discarica abusiva a Casacalenda, denunciati i due responsabili

Il Roan di Termoli, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di polizia ambientale, h…