Sono state giornate dense di emozioni, quelle vissute dai fedeli di Isernia. La parrocchia del Sacro Cuore ha infatti ospitato un saio davvero particolare, l’abito delle stimmate di San Pio. Nel periodo di permanenza in città sono stati organizzati momenti di preghiera, celebrazioni e momenti di incontro e confronto, uno dei quali organizzato direttamente in carcere. Il ciclo di eventi si è concluso con una conferenza sul valore delle stimmate nel ministero sacerdotale di Padre Pio da Pietrelcina. Ne ha parlato fra Nazario Vasciarelli, padre guardiano di quella che per tutti in città è la parrocchia di Padre Giacinto. Convivere con le stimmate non è stato facile. Il santo di Pietrelcina faceva di tutto pur non farle vedere. Almeno nel suo paese natale. Con questa conferenza la parrocchia del Sacro Cuore ha messo in archivio un’altra grande esperienza di fede, abbracciando ancora una volta, almeno idealmente, un santo molto amato e che per tutti rappresenta un grande esempio.

Potrebbe interessanti anche:

Truffe anziani, a Campobasso 87enne presa ancora di mira dopo tre anni

Anziani presi di mira dai truffatori a Campobasso, dove sono sempre più frequenti i raggir…