Home Attualità Nomine Corecom, Assostampa: “Micone renda noti i documenti presentati dai candidati e chiarisca i rapporti con i candidati”
Attualità - Evidenza - Politica - Regione - 10 Ottobre 2018

Nomine Corecom, Assostampa: “Micone renda noti i documenti presentati dai candidati e chiarisca i rapporti con i candidati”

Si infiamma la vicenda delle nomine all’interno del Comitato Regionale per le Comunicazioni, ed il Presidente dell’Assostampa Giuseppe di Pietro è intervenuto nuovamente sulla questione, invocando metodi trasparenti e soprattutto personalità giuste, in un momento di grande difficoltà per l’editoria locale. Su questi presupposti ha dichiarato:” La prima osservazione riguarda la mancata assunzione di responsabilità dei partiti di votare i nomi prescelti. Perché la politica ha abdicato al confronto in aula per rifugiarsi dietro i poteri sostitutivi del presidente del Consiglio?Il secondo aspetto riguarda le motivazioni con le quali il presidente del Consiglio regionale, Salvatore Micone, ha giustificato le proprie scelte”. Micone, infatti, aveva affermato di non aver sbagliato in nessun passaggio, e che la scelta fosse scaturita da un’analisi dei curricula pervenuti, con l’obiettivo di valutare le professionalità giuste per svolgere quel ruolo. E, dunque, in risposta a questo, il Presidente di Assostampa continua: “Per dare forza e riscontro alle sue parole, il presidente dell’assise regionale renda noti, senza per questo ledere la privacy, i documenti presentati dai candidati. Inoltre, sempre Micone, comunichi all’opinione pubblica lo stato degli eventuali rapporti, personali e familiari, avuti o in essere con i nominati, ovvero se vi sono stati o meno percorsi professionali comuni, contatti e di che tipo relativi a incarichi ricoperti e quant’altro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Infortunio al Nucleo: 60enne rimane schiacciato dal tir che si ribalta. Aperta un’indagine

Incidente sul lavoro oggi al Nucleo Industriale di Termoli dove un uomo di 60 anni è rimas…