Home Attualità Ricerca Neuromed: dieta mediterranea scudo salvavita anche per gli over 65
Attualità - Evidenza - 31 Agosto 2018

Ricerca Neuromed: dieta mediterranea scudo salvavita anche per gli over 65

L’efficacia della dieta mediterranea nella riduzione del rischio di mortalità nella popolazione generale è nota da tempo. Una dieta equilibrata, sana, non pesante, ricca di frutta, verdura, pesce, legumi, olio extravergine d’oliva e cereali, poca carne, un consumo moderato di latticini e di vino ai pasti. Tutto, ma con moderazione. Ciò che ancora ancora non veniva focalizzato era l’efficacia di questo regime alimentare, nello specifico, anche per gli over 65. Secondo la ricerca del Dipartimento di Epidemiologia e prevenzione del Neuromed di Pozzilli, pubblicata sulla prestigiosa rivista British Journal of Nutrition, la dieta mediterranea si associa a una riduzione del 25% del rischio di mortalita nelle fasce più anziane della popolazione, con vantaggi in ambito cardiovascolare e cerebrovascolare. Si è analizzato il rapporto tra alimentazione mediterranea e mortalità in un campione di oltre 5mila persone di età superiore ai 65 anni, nell’ambito dello studio Moli-sani. Primo autore della ricerca è Marialaura Brancaccio che ha evidenziato le novità emerse. Licia Iacoviello, a capo del Laboratorio di Epidemiologia Molecolare e Nutrizionale del Neuromed, ha sottolineato come l’aver unito i dati di Moli-sani con quanto emerso da 6 studi su over 65 di altri paesi, ha permesso di vedere che una crescente adesione dalla dieta mediterranea consente di ridurre il rischio di mortalità in generale del 5%, in maniera progressiva. Mangiare pesce, più grassi monoinsaturi, presenti nell’olio extravergine d’oliva, consumare moderatamente alcool in questo tipo di dieta sono fattori di alta protezione per la nostra salute.

Con l’invecchiameto della popolazione mondiale – ha detto Giovanni De Gaetano, direttore del Dipartimento – tra qualche anno gli over 65 saranno circa un quarto della popolazione europea, ecco perché è necessario studiare e identificare quei fattori modificabili che possono garantire non solo lunga vita, ma anche una qualità di vita accettabile”,

La dieta mediterranea, quindi, potremmo dire, tra i segreti di lunga vita. Importante per giovani e meno giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Accoglienza revocata, protestano i migranti del Cat di Roccaravindola

Mattinata di tensione al centro di accoglienza di Roccaravindola alta, nel Comune di Monta…