Home Attualità Terremoto: a Guglionesi situazione più critica, allestita la tendopoli. Il sindaco: “Servono beni di prima necessità”

Terremoto: a Guglionesi situazione più critica, allestita la tendopoli. Il sindaco: “Servono beni di prima necessità”

E’ stata la prima notte in tenda per quasi 200 cittadini di Guglionesi, che hanno preferito non tornare nelle proprie case. La colonna mobile della protezione civile è arrivata qui con il necessario ieri sera attraversando il viadotto del Liscione che è stato riaperto con un’autorizzazione speciale per consentire ai mezzi di arrivare il prima possibile. A coordinare il campo c’è il funzionario della Protezione civile Angelo Del Gesso, è stata allestita anche una cucina per ora con il supporto dei volontari.
Qui, tra le tende che possono ospitare fino a 12 persone ci sono famiglie con bimbi piccoli, ma soprattutto anziani, alcuni dei quali non hanno più una casa.
A Guglionesi sono state chiuse alcune strade, come parte di via San Martino dove il crollo di un cornicione ha sfondato il tetto di una Punto. La casa è disabitata, i proprietari vivono in Canada. Ma ci sono anche altre zone transennate del paese. Il sindaco Mario Bellotti ha allestito in Comune il centro operativo per coordinare tutti i soccorsi e ha chiesto l’arrivo di viveri di prima necessità.
I cittadini hanno paura. Nella notte altre due scosse, quella più forte di magnitudo 3.3 poco prima dell’una, con epicentro sempre a Montecilfone, dove da ieri in paese è arrivata la stazione mobile antisciacallaggio dei carabinieri e dove il sindaco Franco Pallotta ha deciso per lo svuotamento del serbatoio dell’acqua, rimasto lesionato e ha chiesto la fornitura dell’acqua attraverso le autobotti. A Larino anche ci sono circa 300 richieste di sopralluoghi e molti cittadini continuano a dormire all’aperto al campo sportivo o in palestra sulle brandine. La situazione più compromessa al momento è in un palazzo di tre piani di contrada Monte Arcano, dove la scossa delle 20,19 del 17 agosto ha aperto una profonda lesione proprio al piano terra dell’edificio. Nel centro storico anche via Marconi è stata transennata, sono state individuate delle crepe sul campanile della chiesa di Santo Stefano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Campobasso – Rallentatori su via Ferro, teatro di numerosi incidenti stradali, tra cui anche mortali

L’amministrazione comunale di Campobasso sta eseguendo interventi sul alcune strade della …