Imparano a stare in armonia con gli altri, a portare a termine i compiti che vengono loro affidati, a rispettare l’ambiente e a cavarsela anche nelle situazioni più complesse. Al tempo stesso, grazie a una serie di lezioni teoriche e pratiche, prendono confidenza con le attività tipiche della protezione civile, preparandosi a loro volta a diventare volontari, pronti a mettersi al servizio della collettività. Ma soprattutto durante il campo scuola – organizzato su monte Patalecchia dall’associazione don Nicola Canzona di Castelpetroso – i ragazzi apprendono divertendosi in ottima compagnia. Il campo scuola “Anch’io sono la Protezione civile” – alla sua tredicesima edizione – è cresciuto molto negli anni. Anche quest’anno si sono registrati oltre trenta iscritti, provenienti anche dai paesi vicini. Oltre ai corsi e alle esercitazioni pratiche su monte Patalecchia, i ragazzi effettuano anche delle visite sul territorio. In questi giorni a Isernia sono stati accolti in Questura e al comando provinciale dei Vigili del fuoco, dove hanno avuto modo di conoscere più a fondo le loro attività e qualche trucco del mestiere, mentre a Guardiaregia hanno avuto l’opportunità di visitare l’oasi del WWF. Le iniziative portate avanti durante il campo scuola sono monitorate dal dipartimento nazionale di Protezione civile. Le attività del gruppo di Castelpetroso sono state promosse a pieni voti.

Potrebbe interessanti anche:

Trovato senza vita nel lago il corpo di Lucio Grasso, ex portiere del Riccia

Dopo 48 ore di ricerche è stato ritrovato senza vita il corpo di Lucio Grasso, il pescator…