Home Attualità Isernia. “Pasqua sicura”, Carabinieri in azione anche con pattuglie a piedi

Isernia. “Pasqua sicura”, Carabinieri in azione anche con pattuglie a piedi

Nel quadro delle iniziative intraprese dal Comando Provinciale Carabinieri di Isernia per garantire maggiore sicurezza ai cittadini nel periodo delle festività pasquali, i militari dell’Arma, oltre ad intensificare i controlli alla circolazione stradale ed ai traffici illeciti di qualsiasi tipo, dallo spaccio di sostanze stupefacenti al consumo di bevande alcooliche nei modi vietati dalla legge, hanno potenziato i servizi di vigilanza nel centro storico di Isernia e degli altri centri della Provincia, impiegando anche pattuglie a piedi che vanno ad integrare gli ordinari servizi automontati sia con autoradio delle Aliquote Radiomobili e delle locali Stazioni, che con auto “civetta” utilizzate da personale in borghese delle Aliquote Operative e del Nucleo Investigativo. Obiettivi principali come già sperimentato nella serata del Giovedì Santo, sono i luoghi di culto dove si svolgono i tradizionali riti religiosi della Settimana Santa, come la Cattedrale del capoluogo, e le strade del centro maggiormente frequentate dai cittadini e dai vacanzieri anche nelle ore serali. L’iniziativa adottata dai Carabinieri ha già riscosso nella serata di ieri l’ammirato consenso della popolazione. Le attività dell’Arma proseguiranno anche nelle prossime ore e vedranno l’impiego di militari che indosseranno la grande uniforme speciale, per svolgere i servizi di rappresentanza durante le processioni in occasione della Via Crucis e le altre principali cerimonie religiose. L’uniforme storica dell’Arma rappresenta uno dei simboli più ammirati della tradizione italiana, raffigurata in numerose opere d’arte, compare anche in molti film ed è indissolubilmente legata alla cultura letteraria del nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Covid 19, a Campobasso 9 nuovi casi. L’aggiornamento del sindaco Gravina. Il video