Un altro colpaccio messo a segno da Giancarlo Graziaplena, animatore del Joe’s Blues Festival che si tiene ogni anno a San Martino. Infatti, per la data invernale, Graziaplena è riuscito a fare arrivare in Molise un mostro sacro del blues americano, Michael Lee Firkins, che si esibirà il prossimo 29 marzo al teatro Fulvio di Guglionesi. “Un bellissimo evento – dice Graziaplena – che siamo riusciti ad avere in Molise, segno che quando ci si impegna le cose si possono fare”.

Michael Lee Firkins si è costruito un nome a inizio anni ’90 grazie alla personale fusione di hard rock ed elementi di bluegrass e country, influenzato in eguale misura da Led Zeppelin, AC/DC, Lynyrd Skynyrd e Chet Atkins, Jerry Reed, Albert Lee, Danny Gatton.

Il risultato è uno stile unico e personale che lo rende un personaggio atipico nel gruppo dei virtuosi chitarristi suoi contemporanei. Proprio questa audace commistione stilistica tra country e shred fu la chiave del successo che questo chitarrista ottenne al suo debutto, nel 1990. Il suo omonimo album d’esordio uscì per la Shrapnel, la stessa etichetta discografica che in quegli anni stava sfornando e scoprendo talenti come Paul Gilbert, Richie Kotzen, Vinnie Moore, lanciando la moda dello shred. “Michael Lee Firkins” fu un trionfo discografico che fece il botto vendendo 100.000 copie; Lee Firkins venne votato dai lettori di Guitar Player come il miglior chitarrista dell’anno e per tutto il successivo decennio rimase uno dei chitarristi più rispettati dagli addetti ai lavori.

 

Per info e prenotazioni Giancarlo Graziaplena 347 859 12 46

Potrebbe interessanti anche:

Auto finisce in una scarpata a Campomarino, miracolata 48enne

Un grande spavento per una donna di 48 anni finita con la sua auto nella scarpata, dal cav…