di PASQUALE DI BELLO

L’ultima fermata della metropolitana leggera, coincide per Frattura con il proprio capolinea politico. Disarcionato dal suo stesso partito, all’interno del quale erano rimasti a difenderlo pochi giapponesi disposti alla guerra ad oltranza, il governatore che in questi cinque anni ha distrutto il tessuto economico, sociale e morale del Molise esce di scena nella condizione più miserabile possibile: partito nel 2011 prima e nel 2013 poi dal ruolo di candidato alla redenzione del Molise, sparisce dal palcoscenico politico come candidato al dimenticatoio. Domenica 22 aprile alle ore 23, quando si apriranno i seggi, nessuno più si ricorderà di lui. E’ senza dubbio questo l’unico risultato politico raggiunto dall’ex senatore Roberto Ruta, che così come se lo era inventato, così lo ha distrutto. Fu lui nel 2011, con il movimento Alternativ@, fondato da Ruta dall’interno del PD, a candidare Frattura; ed è stato lui, con il movimento Ulivo 2.0, fondato con Ruta sempre all’interno del Partito democratico, a scavargli la buca.

Frattura, dal canto suo, ha provato il bluff, e ha crecato di assicurarsi l’investitura attraverso il sostegno di un drappello di sindaci che si sono sciolti come neve al sole L’uscita di scena di Frattura è quella tipica di chiunque abbia esercitato un potere personale e assoluto condito dall’arroganza di chi ha creduto di poter mettere tutti sotto le scarpe: dai lavoratori a cui ha distrutto il futuro (le immagini di Frattura che ringhia all’assemblea della Gam rimarranno per sempre nella brutta storia del Molise) ai giornalisti per i quali ha cercato di spalancare le gabbie della galera. E’ finita, come finisce tutto, ma a differenza delle altre cose questa ha un tratto in più. A Frattura non lo rimpiangerà nessuno, forse nemmeno il cerchio tragico di cortigiani che per cinque anni gli hanno tenuto bordone fiancheggiando ogni sua tragica iniziativa.

Potrebbe interessanti anche:

Comunali Termoli, l’avvocato Giuseppe “Joe” Mileti candidato sindaco per la coalizione progressista

La coalizione progressista di Termoli, formata da Partito Democratico, MoVimento 5 Stelle,…