“Il nostro obiettivo è quello di mettere in sicurezza tutti gli edifici scolastici. E vogliamo riuscirci entro l’inizio del nuovo anno. Per ora ci sono solo due certezze e riguardano le scuole medie, al resto ci stiamo lavorando”. A dirlo è il sindaco di Isernia Giacomo d’Apollonio, che ha così voluto fare chiarezza dopo le polemiche e le voci che si sono accavallate negli ultimi giorni. Dall’inizio del nuovo anno scolastico sia gli alunni della Giovanni XXIII sia quelli dell’Andrea d’Isernia saranno trasferiti in strutture sicure: “Come già chiarito – ha detto il sindaco – i ragazzi dell’Andrea andranno nel nuovo edificio di San Leucio. Sarà consegnato nei prossimi mesi. Mentre gli alunni della Giovanni XXIII andranno a San Lazzaro. Inevitabilmente ci saranno degli spostamenti”. In questi giorni – ha assicurato il primo cittadino – si continuerà a lavorare per trovare soluzioni definitive che accontentino tutti, possibilmente entro la fine della settimana prossima. La priorità sarà quello di evitare lo smembramento delle scuole: “Proprio per questo ci siamo presi qualche giorno in più per decidere. Intanto stiamo lavorando per degli interventi a San Leucio. Poi dovremo trovare altri spazi. Al momento stiamo valutando diverse opzioni. In ogni caso vogliamo fare in modo che le scuole non vengano smembrate”. D’Apollonio ha parlato anche dei bambini della scuola dell’infanzia San Giovanni Bosco, oggi ospitati nella struttura di Calabrese: “È stata molto utile per noi, ci ha permesso di affrontare e superare una situazione di emergenza che si era venuta a creare. Abbiamo un contratto in scadenza a giugno. Vedremo cosa succederà. Ma noi vogliamo uscire dall’emergenza, trovando una soluzione alternativa”.

Potrebbe interessanti anche:

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni. …