8.2 C
Campobasso
lunedì, Aprile 22, 2024

Isernia. Doppio polo scolastico, polemiche infuocate sui social. Ma il Comune ancora non decide

AttualitàIsernia. Doppio polo scolastico, polemiche infuocate sui social. Ma il Comune ancora non decide

Alla fine ciò che si temeva è accaduto. L’ipotesi di creare due poli scolastici a San Leucio e San Lazzaro ha scatenato una montagna di polemiche. Molti genitori non hanno preso affatto bene l’idea di spostare i loro figli da una scuola all’altra come fossero delle pedine. Altri, invece, chiedono di abbassare i toni, di evitare guerre tra poveri, visto che il vero problema è quello di garantire scuole sicure a tutti e non quello di fare conteggi sul numero di iscritti. La proposta che in questi giorni sta infuocando il dibattito, soprattutto sui social, è questa: le scuole medie e dell’infanzia della San Leucio dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII saranno spostate a San Lazzaro, per l’esattezza alla Tagliente. Mentre gli alunni della primaria della San Giovanni Bosco, da San Lazzaro verrebbero trasferiti in parte a San Leucio e in parte nella struttura di Calabrese, dove oggi ci sono i bambini della scuola dell’infanzia. Che a loro volta, come noto, verrebbero trasferiti nel nuovo edificio di San Leucio, insieme agli alunni della scuola media Andrea d’Isernia. Nel frattempo si punta a recuperare più aule possibili tra il centro anziani D’Acunto e l’edificio adiacente, anche attraverso interventi strutturali. Insomma: un vero e proprio rompicapo. Che rischia di lasciare tutti scontenti. Per ora, comunque, di decisioni ufficiali non ce ne sono, se non queste: la media Giovanni XXIII andrà a San Lazzaro, mentre l’Andrea d’Isernia nella nuova scuola di San Leucio, ha detto l’assessore comunale all’Istruzione Sonia De Toma. Intanto sulle ipotesi circolate nelle ultime ore, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo San Giovanni Bosco, Mariella Di Sanza, preferisce non sbilanciarsi. Per correttezza istituzionale – ha spiegato – non parlerà, poiché aveva chiesto due giorni di tempo per valutare la proposta dell’Amministrazione. Lo farà domani, dopo l’incontro tra il sindaco d’Apollonio e il consiglio d’istituto. Sarà questa l’occasione per mettere a confronto la loro proposta e quella del Comune. “Nel lungo termine – si è limitata a dire la Di Sanza – l’ipotesi di creare due poli scolastici è condivisibile; se n’era parlato anche durante l’amministrazione Brasiello. Ma nel breve periodo – ha concluso – credo che una proposta del genere sia di difficile applicazione”.

Ultime Notizie