Quando la tutela dell’ambiente diventa un vero e proprio motore dell’economia e del cambiamento. E’ la cosiddetta green society, persone cioè che hanno deciso di produrre, spostarsi, mangiare in modo più equo, più sostenibile. Nel viaggio condotto da Legambiente tra gli angoli dell’Italia più nascosta, sono emerse centouno storie degne di essere raccontate e rese note in un libro, che domani sarà presentato anche a Campobasso.

Quella che viene descritta è un’Italia poco conosciuta ma che è fatta di milioni di persone che operano nell’interesse comune, che immaginano e realizzano nuovi modelli di welfare, di cura del territorio, creando anche posti di lavoro.

Tra le storie inserite nel libro Alla scoperta della green society, ci sono anche quattro esempi che arrivano dal Molise. L’esperienza dell’associazione ‘il nostro quartiere San Giovanni’ di Campobasso, che nel 2000 ha avviato un progetto per il recupero del parco di via Lombardia, dando vita a iniziative che coinvolgono e stimolano gli abitanti a partecipare e a contribuire alla soluzione dei problemi del quartiere. Una esperienza analoga è stata avviata a Tufara dall’associazione Muoviti, messa in piedi da quattro ragazzi nel 2013 e che in poco tempo è riuscita a coinvolgere gran parte del paese, dove molti spazi pubblici abbandonati sono stati puliti e riqualificati.

Legambiente ha voluto premiare anche l’impegno di Castel del Giudice, dove sono sorti un albergo diffuso, una residenza sanitaria assistita e una coltivazione di mele biologiche.

Fino alla quarta storia, quella che ha varcato anche i confini nazionali ed è piaciuta a tal punto da indurre persone straniere a comprare case e a trascorrere le vacanze a Civitacmpomarano. E’ il progetto street art, al quale ha partecipato in modo concreto anche la stessa amministrazione comunale creando attrattive turistiche in un borgo già ricco di storia.

Una scelta di vita all’insegna della qualità dell’ambiente e della condivisione della gestione del territorio che produce sviluppo e crea posti di lavoro. E’ la quasi totalità del nostro territorio, che ha solo bisogno di essere riscoperto e riqualificato.

gdt

Potrebbe interessanti anche:

Rievocazione storica ad Agnone: tornano le lavandaie dei lavatoi

Ad Agnone arriva una nuova rievocazione storica. Il Comitato di Quartiere “Agnone Ce…