Home Attualità Capracotta. Centro storico “trasformato” in bagno pubblico all’aperto, denunciati 4 giovani

Capracotta. Centro storico “trasformato” in bagno pubblico all’aperto, denunciati 4 giovani

A Capracotta, i militari della locale Stazione, nel corso di una serie di controlli eseguiti nell’ambito del territorio di competenza hanno segnalato due 20enni della provincia di Roma, in quanto trovati in possesso di sostanze stupefacenti del tipo “marijuana”, che sono state sottoposte a sequestro. Stessa sorte è toccata ad altri quattro giovani, di età compresa tra i 18 e i 22 anni, tutti della provincia di Isernia, i quali dovranno rispondere di atti contrari alla pubblica decenza, in quanto sorpresi ad orinare in una via del centro storico cittadino. Infine durante una manifestazione religiosa, i militari sono intervenuti per sedare una lite tra due persone, ed uno di essi, un 40enne del luogo ha inveito contro gli stessi Carabinieri beccandosi così una denuncia per oltraggio a Pubblico Ufficiale.
Utilizzavano illegalmente un richiamo acustico elettromagnetico, per questo motivo, in un’area boschiva di Macchiagodena, una pattuglia della Stazione Carabinieri Forestale di Frosolone, ha denunciato due cacciatori, un 40enne ed un 50enne di Santa Maria del Molise, per violazioni alle norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio. Due fucili calibro 12 con relative munizioni, di cui erano armati i cacciatori, sono stati sottoposti a sequestro unitamente al dispositivo acustico elettromagnetico utilizzato.
Ha acquistato merce presso un’attività commerciale di Venafro con una banconota da venti euro falsa, allontanandosi subito dopo dal luogo. Il proprietario dell’esercizio pubblico, si è accorto che la banconota era falsa e ha segnalato il caso ai Carabinieri della locale Stazione. Gli uomini dell’Arma, grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza del negozio, sono riusciti ad identificare l’autore, un 30enne del luogo, che è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per spendita di monete false. La banconota rinvenuta è stata sottoposta a sequestro. Qualche giorno fa, i Carabinieri, scoprirono il primo caso di spendita di banconota falsa in provincia di Isernia, del nuovo tipo da cinquanta euro, serie “Europa”, introdotta di recente dalla Banca Centrale Europea. In quel caso fu denunciata una 20enne, di Marano di Napoli, con a carico precedenti per reati contro il patrimonio e la persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Covid, oggi 2 morti e 54 nuovi positivi. Cala il numero dei ricoverati al Cardarelli

Cala il numero dei decessi e migliora la situazione in ospedale con i ricoveri in calo. L’…