Home Attualità Campobasso: Crociati e Trinitari, due cene prima della storica pace
Attualità - Evidenza - 5 Settembre 2017

Campobasso: Crociati e Trinitari, due cene prima della storica pace

di GIOVANNI DI TOTA

Ci sono due quadri in città che fotografano quello straordinario evento, uno di Gianmaria Felice, esposto a palazzo Magno, sede della Provincia; l’altro di Francesco Diodati adorna una parete della Banca d’Italia. Raffigurano un evento che segna uno dei passaggi più importanti nella storia di Campobasso: la pace fra i Crociati e Trinitari.

Due delle quattro confraternite della città – le altre quella dei Sant’Antonari poi confluita nei crociati e quella del Santissimo Calicione che si sciolse negli anni – che si combatterono anche a sangue per il dominio delle rappresentazioni religiose.

Una pace sancita nel 1587, come si intravede dai quadri, sul sagrato della Cattedrale, e che ha sullo sfondo una storia d’amore che somiglia tantissimo a quella di Romeo e Giulietta. Delicata Civerra e Fonzo Mastrangelo, crociata lei e trinitario lui, non poterono mai coronare il loro sogno d’amore.

Ma proprio nel giorno della pace, vennero celebrati anche alcuni matrimoni, fino ad allora proibitissimi, tra coppie delle opposte fazioni.

Le rievocazioni sono andate avanti negli anni per merito dell’associazione che porta proprio il nome delle due storiche confraternite. Sabato 9 settembre, nel centro storico di Campobasso si tornerà a respirare l’atmosfera di cinque secoli fa, quando nei vicoli e nelle stradine del borgo le famiglie crociate e trinitarie si guardavano in cagnesco. I vessilli delle due confraternite saranno esposti dai balconi delle zone di appartenenza, mentre in costume d’epoca verranno effettuate visite guidate nei luoghi che hanno caratterizzato questa storia, che si intreccia a filo doppio con ogni muro della parte vecchia della città. Accanto alle persone in costume ci saranno cavalieri a cavallo, musici, giocolieri e sbandieratori. In via Marconi verrà allestito anche un mercatino rinascimentale, con oggetti tipici rinascimentali. Ma il clou della manifestazione, saranno le due cene crociata e trinitaria, simbolicamente separate come prologo della pace che deve essere siglata. Accanto ai personaggi in costume, chiunque potrà scegliere se mangiare crociato in largo San Leonardo, oppure cenare insieme ai trinitari in piazzetta Palombo.

E così il cuore di Campobasso batterà di nuovo con i simboli che ne hanno fatto la storia e che dal giorno dopo chiederanno a gran voce di tornare fratelli, per siglare una nuova pace per il bene di tutta la città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Controlli massicci della Polizia per contrastare l’uso dei telefonini alla guida

È ormai noto e documentato che la distrazione causata dall’uso dei telefoni cellulari alla…