di MATTEO FALLICA

Quando il vandalismo si sposa con l’assenza di ordinaria manutenzione, il degrado è assicurato.
Sulla situazione del parco giochi che si trova alle spalle della casa comunale, le denunce ormai si scrivono da sole.
Questa mattina, a seguito di altre segnalazioni, abbiamo fatto un sopralluogo e, quindi, torniamo ancora a segnalare dell’ormai situazione di pericoloso imbarbarimento di ciò che era una volta il “parco giochi”.
Della situazione critica della zona sono stati avvisati i carabinieri, la scorsa amministrazione, la attuale, fiumi di inchiostro di articoli e denunce, i residenti sono stanchi e alcuni genitori sono arrivati a vietare ai loro figli di frequentare il “parco giochi”.
Non c’è un gioco, uno scivolo, un’altalena, una casetta, che non è rotta e che non rappresenti un pericolo per i bambini.
Tavole con chiodi sporgenti di ruggine, pali rotti taglienti, catene delle altalene staccate, vetri per terra, mozziconi, speriamo solo di sigarette, anche se certi “andirivieni” della zona sono note a tutti.
Non è più solo vandalismo da denunciare, ma la zona dovrebbe essere transennata immediatamente, vietare l’accesso fin quando non si ristabilisca, almeno, l’assenza di ferri, chiodi arrugginiti, vetri e tutto ciò che è rischioso, soprattutto per un bambino.

Rifiuti e devastazione delle giostrine sono segni dell’inciviltà dei cittadini, ma spetta all’amministrazione intervenire quantomeno con la manutenzione ordinaria delle piccole cose, per dare un minimo di decoro e consentire ai cittadini di poter vivere con dignità la propria città

Chiediamo che l’amministrazione, che ha il dovere di manutenzione, chiuda IMMEDIATAMENTE l’accesso del parco giochi in questione, dove c’è la mancanza totale delle normative antinfortunistica a riguardo dei parchi per bambini, e ristabilisca la garanzia della sicurezza del posto.

RIPETIAMO: Bisogna assolutamente chiudere la zona e vietare l’accesso fin quando non venga garantita la sicurezza!

Ci auguriamo vivamente che il Sindaco e i nostri amministratori comunali lascino, per qualche istante, da parte la “burocrazia” e i quotidiani affidamenti diretti e diventino solamente dei genitori o nonni di bambini speranzosi di vedere il loro parco bello, pulito e pieno di nuovi giochi sicuri.
insieme al Comitato Articolo Ventuno ci candidiamo a dare una mano a ripulire la zona, collaboriamo e risolviamo una volta per tutte sta situazione. Sindaco, noi ci fidiamo di lei.

Potrebbe interessanti anche:

Una famiglia alla guida della Caritas di Termoli-Larino

Il vescovo, mons. Gianfranco De Luca ha nominato i coniugi, il diacono Vito Chimienti e su…