Il consigliere comunale Stefano Testa denuncia una situazione di degrado nel centro storico di Isernia e invoca maggiori controlli, attraverso l’attività dei poliziotti di quartiere, e soprattutto esorta l’amministrazione a dotare l’area di adeguati servizi igienici. Testa racconta, in una nota, di aver accompagnato alcuni turisti in città e di essersi invece imbattuto, nella zona dei portici del cosiddetto ‘palazzo degli uffici’, in cumuli di rifiuti e non solo: “Sacchi di immondizia dai quali fuoriuscivano sporcizie innominabili; dagli angoli dei cantonali si vedevano escrementi e rivoli di urine puzzolenti che mal si conciliavano con l’importanza del palazzo e, soprattutto, con la vicina pizzeria. Insomma v’era una situazione di abbandono e di sporcizia che sicuramente avrebbe meritato l’intervento delle autorità preposte all’igiene pubblica”. Da qui la proposta. “Questo spettacolo – incalza il consigliere – si ripete ad ogni angolo del centro storico a causa della mancanza di alcun tipo di quel controllo che potrebbe essere espletato da ‘vigili di quartiere’ e/o ‘polizia di quartiere’ che dovrebbero e potrebbero evitare tali situazioni di degrado ambientale che non depongono bene all’immagine ed alla vivibilità della nostra città. Fermo restando – ancora Testa – che sarebbe opportuno dotare il centro storico, ma anche altre parti della città, di un sistema di servizi igienici capace di soddisfare le esigenze dei visitatori e dei nottambuli, il tutto servito da un servizio di guardiania capace di evitare che questi luoghi si trasformino in sudice impraticabili latrine. Bene farebbe l’amministrazione comunale – conclude – ad organizzare un tale meritorio servizio anche a pagamento in maniera da poter abbattere i costi di gestione e, ove possibile, organizzare un servizio di ‘ronda’ capace di  scoraggiare i maleducati che imbrattano i caratteristici vicoli cittadini”.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, dopo Gemelli e Neuromed prende posizione anche Villa Maria: stop ai ricoveri e pazienti dimessi

Dopo il Gemelli ed il Neuromed arriva la presa di posizione della casa di cura Villa Maria…