Home Cronaca Volontari e migranti puliscono la spiaggia di Termoli: raccolti 140 sacchi di rifiuti

Volontari e migranti puliscono la spiaggia di Termoli: raccolti 140 sacchi di rifiuti

Straordinario successo della 25esima edizione de ‘Il mare d’Inverno’, l’iniziativa di tutela ambientale promossa da FARE VERDE e che ha coinvolto centinaia di persone sulla spiaggia di Termoli Nord. Oltre a tanti volontari che fanno parte anche dell’associazione Ambiente Basso Molise, all’iniziativa hanno preso parte questa volta anche un centinaio di migranti provenienti dai centri di accoglienza di Campobasso, con il quale Fare Verde conduce da circa due anni il progetto “Azione & integrAzione” e da diversi altri comuni del Basso Molise Termoli, Campomarino, Guglionesi, Rotello, Petacciato, Portocannone, Montecilfone. Volontari e migranti hanno lavorato insieme uniti dall’impegno civico e dalla tutela dell’ambiente.

La situazione del litorale si è confermata drammatica: le spiagge, soprattutto durante il periodo invernale, sono completamente invase da rifiuti che il mare restituisce “al mittente” durante le mareggiate. Plastica e polistirolo sono in cima alla lista dei rifiuti recuperati e raccolti in 140 sacchi. Non solo plastica purtroppo ma anche materiali ingombranti come un frigorifero, un’arnia per apicoltura, uno scaldabagno, brandine, sedie e circa una trentina di grandi boe da ormeggio dismesse. Il fenomeno più inquietante, purtroppo in continua crescita, resta però l’impressionante invasione delle “reste”, le reti di plastica utilizzate negli allevamenti di cozze, rinvenute a migliaia e migliaia sulla spiaggia. Secondo i volontari arrivano proprio dagli impianti che si trovano al largo di Termoli. Un fenomeno putroppo che non tende a regredire nonostante le numerose denunce del passato. Reti che rappresentano una minaccia per la fauna ittica, in particolare per i cetacei. Come già fatto per le scorse edizioni Fare Verde ha inoltrato un’ennesima denuncia affinché le autorità preposte, ma anche l’amministrazione comunale, predispongano gli opportuni controlli per arginare e reprimere questo sconcertante fenomeno di abbandono di rifiuti in mare aperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Procedure COVID-19, da Neuromed un successo per il Molise

L’Istituto Neuromed comunica che, così come già annunciato dall’Asrem nel corso della gior…