Home Attualità Emergenza viabilità in Basso Molise, sindaci e parroci in rivolta
Attualità - Evidenza - QD - 25 Gennaio 2017

Emergenza viabilità in Basso Molise, sindaci e parroci in rivolta

Emergenza viabilità in Basso Molise. I sindaci e i parroci di nove Comuni sono pronti a una protesta eclatante per chiedere risposte e non promesse alla politica. Acquaviva Collecroce, San Felice del Molise, Montefalcone nel Sannio, Montemitro, Castelmauro, Palata, Tavenna, Mafalda e Montecilfone. Lo scorso 23 gennaio aParroci e Sindaci Krucmministratori e sacerdoti si sono riuniti al Caffè Letterario di Acquaviva Collecroce, per parlare della questione viabilità tra i paesi a cavallo tra il Trigno e il Biferno. In una lettera aperta i sindaci hanno annunciato che il prossimo 3 febbraio riconsegneranno le fasce tricolori al Prefetto accompagnati dagli stessi parroci:

“Esprimiamo tutta la nostra amarezza per la situazione in cui versano le strade Provinciali in questa zona del Molise. Siamo veramente stanchi di questa situazione, sintomo di mancanza di attenzione da parte della Provincia di Campobasso e del Governo Regionale, non esiste altra zona in Molise dove le strade versano nelle nostre stesse condizioni. Chiediamo interventi rapidi per risolvere il problema viabilità, le nostre strade sono diventate vere e proprie mulattiere, piene di buche e frane che hanno completamente deformato la sede stradale; la situazione è ormai divenuta insostenibile, vane e scarse le risorse impiegate per questa zona, siamo ormai al collasso. Troppe promesse fatte e non mantenute, a noi non serve il contentino di turno, noi abbiamo bisogno di un intervento serio e tempestivo sulla viabilità altrimenti a causa dell’isolamento in cui già versano diversi comuni avremo uno spopolamento totale del territorio che già è in atto. Le precipitazioni nevose dei giorni scorsi hanno finito per acuire la difficile situazione in cui già versavano le strade Provinciali, innescando diverse frane, e rendendole ancora più impraticabili ed a rischio chiusura come già avvenuto in passato per alcune di esse. Non possiamo più aspettare la messa in campo di interventi a lungo termine, le strade vanno messe subito in sicurezza e quelle chiuse riaperte al transito, per consentire la normale viabilità tra in nostri comuni. Siamo pronti a tutto pur di difendere i nostri diritti e quelli dei nostri cittadini, inizieremo il giorno 3 febbraio alle 11, presso la Prefettura di Campobasso, noi sindaci riconsegneremo le fasce tricolori al Signor Prefetto, accompagnati dai parroci in rappresentanza di tutta la diocesi di Termoli – Larino che ci è vicina in questa ed altre problematiche. Ma sarà solo il primo di una serie di eventi eclatanti che metteremo in campo, coinvolgendo anche la popolazione locale, se non verrà dato ascolto al nostro grido d’aiuto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Coronavirus, 6 nuovi positivi su 504 tamponi processati. Scendono i ricoveri e nessuno più in Terapia Intensiva, da registrare anche altri guariti

Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Molise, a fronte di un significativo aumento…