di PASQUALE DI BELLO

ASREM, è in arrivo il superconsulente in materia tributaria e societaria. Oltre centomila euro per un incarico dalla durata di tre anni.

Lo stratagemma per affidare consulenze e incarichi è sempre lo stesso: la irreperibilità tra il personale dipendente della figura necessaria ad espletare le mansioni di cui la pubblica amministrazione ha bisogno. Questa volta la pubblica amministrazione si chiama ASREM e la figura che cerca è quella di un esperto in materia tributaria e societaria. L’incarico, di tre anni, prevede un compenso annuo di trentamila euro più oneri, In pratica oltre centomila euro per il periodo di vigenza contrattuale.
In realtà l’ASREM un esperto al proprio interno ce l’ha ma – come scrive il Direttore generale dell’Azienda Sanitaria regionale, l’ingegnere Gennaro Sosto – l’interessato «è integralmente impegnato nelle funzioni istituzionali già assegnate dalle quali non può essere distolto senza pregiudizio per l’attività di servizio».
Insomma, un esperto c’è ma non può essere distolto dal proprio lavoro che lo assorbe integralmente, come dice l’ingegnere Sosto e come controfirmano il Direttore Sanitario dell’ASREM, il dott. Antonio Lucchetti, e il neo Direttore amministrativo, l’Avvocato e ex Capitano dei NAS, Antonio Forciniti.
L’ASREM, preso atto del totale assorbimento del dirigente in questione, ha avviato una sua procedura interna per verificare la disponibilità tra il personale dipendente di un esperto in materia tributaria e societaria ma la ricerca è fallita. L’avviso non ha avuto alcun esito; ognuno, come dire, è assorbito nei fatti suoi.
Ecco allora che scatta l’avviso pubblico per cercare il consulente di turno. Tutto questo mentre ai molisani si impongono sacrifici lacrime e sangue e tagli nei servizi.

Potrebbe interessanti anche:

Anziana scomparsa a Bojano, da due giorni ricerche senza sosta: si allarga il raggio di azione

Svanita nel nulla senza lasciare nessuna traccia. Si infittisce con il passare delle ore i…